Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, De Francesco, Porcino e Bianchimano imprescindibili. Ma l’attaccante parte sempre dalla panchina

Reggina, De Francesco, Porcino e Bianchimano imprescindibili. Ma l’attaccante parte sempre dalla panchina

Primi bilanci in casa Reggina dopo circa venti giorni di lavoro ed una serie di amichevoli più o meno attendibili. L’ultimo test prima dell’inizio della stagione ufficiale è fissato per domani contro una squadra di pari categoria come la Sicula Leonzio ed anche per quello che riguarda la possibile titolarità dell’undici base, si potrebbe iniziare ad avere quando indicazione in più. Nonostante arrivino ancora volti nuovi e per tale motivo rimane sempre il dubbio su quali elementi ci si sta veramente concentrando per la costruzione della squadra. Per quanto visto fino ad oggi impossibile non dare ragione al coordinatore dell’area tecnica Basile quando afferma che i tre “reduci” Porcino, De Francesco e Bianchimano sono e saranno al centro del progetto Reggina. Crediamo non possa essere diversamente perché ad oggi emergono per qualità e, ripetiamo, anche se le amichevoli contano meno di nulla, fanno comunque la differenza e rimangono punti di riferimento essenziali. Impossibile non aver notato come con De Francesco in campo questo gruppo esprima un certo tipo di gioco, in sua assenza invece si costruisce con un po’ di fatica. Porcino dovrà abituarsi al ruolo di interno di centrocampo, ma è talmente bravo da farsi trovare pronto per il campionato, l’unico dubbio e non sulle qualità, riguarda Bianchimano. Dopo quel famoso “mal di pancia”, l’attaccante è sempre partito dalla panchina nel corso delle ultime due amichevoli. Scelta che non è passata inosservata e che lascia ancora qualche dubbio sulla sua permanenza, fermo restando che nel momento in cui è entrato in campo, ha fatto mostrato tutto il suo valore. La società, così come dichiarato in conferenza stampa, ha riferito di aver parlato con il ragazzo e di averlo convinto a fortificare le proprie qualità con un altro anno in serie C, a dispetto di chi, invece, gli aveva sussurrato possibili interessamenti di squadre partecipanti a campionati di categoria superiore. Il caso è veramente chiuso? I tifosi sperano di si.

M.F.