Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Di Livio: ‘Ho tanta voglia, peccato per la squalifica’. Tulissi: ‘Reggio trampolino di lancio’

Reggina, Di Livio: ‘Ho tanta voglia, peccato per la squalifica’. Tulissi: ‘Reggio trampolino di lancio’

Con Di Livio, Garufi e Tulissi si chiude il quadro delle ufficializzazioni per quello che riguarda i calciatori fino al momento arrivati alla Reggina, in questa prima corposa sessione di calciomercato. Tanti volti nuovi, tutti molto giovani, così come voluto dalla società e dal coordinatore tecnico Basile. Tre centrocampisti per mister Maurizi con caratteristiche diverse, due dei quali provenienti dai settori giovanili di società militanti nella massima serie come Roma e Atalanta. La presentazione è toccata al presidente Mimmo Praticò, poi la parola che passa ai calciatori, il primo a parlare è Lorenzo Di Livio: “La squalifica mi penalizza, avrei voluto aiutare il gruppo sin da subito. Sarà il mister a decidere la mia collocazione in campo. Ho iniziato ad allenarmi insieme alla squadra, partire il 23 ottobre non sarà un peso nè dal punto di vista psicologico, tantomeno da quello fisico. La serie C è una realtà molto vicina alla serie b, conosco molte squadre, il distacco è solo dettato dall’esperienza, cercheremo di compattarci a livello di squadra e di gruppo. Ho fatto il trequartista e l’esterno, ma ripeto, sarò a disposizione del tecnico. Volevo ringraziare il presidente Praticò ed il coordinatore Basile per la vicinanza ed il sostegno”.

Tulissi: “Il settore giovanile dell’Atalanta è uno dei migliori d’Italia. Mi sento più attaccante, posso fare anche il trequartista o la seconda punta, sono questi i ruoli che ho fatto. Mi fa piacere che la mia prestazione sia piaciuta ai tifosi, ma aspetto partite importanti per poter dimostrare il mio valore e per mettere a disposizione della squadra le mie qualità. Lo scorso anno ho fatto una stagione tutto sommato positiva, anche se ci sono stati alti e bassi, adesso spero possa essere per me il trampolino di lancio verso categorie superiori. Non vado in concorrenza con Lorenzo Di Livio, siamo amici, sarà Maurizi a trovare per noi la giusta collocazione.