Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Praticò-Martino rescissione del contratto unica strada percorribile

Reggina, Praticò-Martino rescissione del contratto unica strada percorribile

Periodo di straordinaria intensità quello che si sta vivendo alla Reggina. Società impegnata su più fronti e con tante questioni sul tavolo, dalla iscrizione al calciomercato, dall’inizio del prossimo ritiro datato 12 luglio, all’attesa per l’apertura della campagna abbonamenti. In mezzo a tutto questo, anche la posizione del Direttore Generale Gabriele Martino, non ancora definita. Si ricorda che l’esperto dirigente è legato alla società amaranto fino al 30 giugno 2019, un contratto stipulato la scorsa estate, per un progetto a lunga scadenza che, invece, si è interrotto dopo appena una stagione, esclusa ovviamente quella in cui la Reggina ha disputato il campionato di serie D. Cosa abbia provocato l’improvvisa rottura tra le parti non lo hanno mai comunicato in maniera ufficiale, quello che si ipotizza è una diversità di vedute sul piano tecnico e gestionale ma, ripetiamo, né il presidente Praticò, tantomeno Martino hanno fino a questo momento motivato la frattura. Di sicuro la questione va risolta ed anche in tempi brevi, almeno prima che si dia ufficialmente il via alla nuova stagione con l’inizio della preparazione, lo impone soprattutto il rapporto di amicizia quarantennale ed oltre tra i personaggi protagonisti della vicenda, ma anche una maggiore chiarezza all’interno del club per quel che concerne le competenze. In conferenza stampa il presidente Praticò aveva parlato di un rapporto rimasto cordiale con Martino con quest’ultimo che avrebbe dovuto proseguire svolgendo quello che è il ruolo di direttore generale escluso il settore tecnico. Da allora non si hanno più notizie, di sicuro il lavoro da scrivania non alletta per nulla chi è stato in tutti questi anni protagonista sul campo, questo è l’unico dato certo. Ed allora quale potrebbe essere la soluzione? La strada verso la rescissione quella più percorribile.