Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Ivan Franceschini rifiuta la proposta di Praticò. Il perché del suo no

Reggina, Ivan Franceschini rifiuta la proposta di Praticò. Il perché del suo no

E’ finita per come tutti si immaginava. Dopo qualche giorno di riflessione, Ivan Franceschini ha comunicato al presidente Mimmo Praticò le sue intenzioni, decidendo di non proseguire più la sua avventura con la società. Facciamo un breve riepilogo. L’ex difensore amaranto, chiamato dal DG Gabriele Martino, ha fatto parte quasi da subito della famiglia Reggina, dall’insediamento della nuova società. Percorso iniziale da attento osservatore delle squadre avversarie nel campionato che gli amaranto hanno disputato in serie D, poi la scelta della società di affiancarlo a Francesco Cozza per il proseguo della stagione. Dopo il ripescaggio la decisione di tenere Ivan in organico al fianco del nuovo allenatore Karel Zeman. Franceschini tecnico assai preparato, uomo silenzioso e prezioso, ha ricevuto insieme al resto dello staff, i ringraziamenti a fine stagione proprio dal figlio del boemo. L’improvvisa rivoluzione tecnica in casa reggina, ha portato a scelte diverse sulla conduzione della squadra ed anche sulla sua costruzione. Salvatore Basile coordinatore tecnico, Maurizi allenatore, queste le decisioni assunte. Ad Ivan Franceschini è stata offerta la guida della formazione Berretti. Dopo due anni al fianco dei tecnici della prima squadra, tanto studio e dopo essere diventato allenatore professionista di prima categoria, le ambizioni gli hanno imposto di decidere per un percorso diverso. Adesso attende una chiamata che gli possa consentire di essere l’allenatore di una squadra con le sue stesse ambizioni ed un importante progetto.