Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / G. Praticò: ‘Programmiamo ma senza frenesia. Zeman non è presuntuoso’

G. Praticò: ‘Programmiamo ma senza frenesia. Zeman non è presuntuoso’

All’indomani della grande festa del Granillo e della vittoria ottenuta dalla Reggina contro la Paganese, si fanno bilanci e resoconti con il dirigente della Reggina 1914 Giuseppe Praticò: “E’ stata una bella giornata di sport. Da più parti mi arrivano messaggi che parlano di questo ritorno di entusiasmo per la nostra squadra di calcio che negli anni si era un po’ perso. Ci tenevamo a chiudere bene davanti ad una bella cornice di pubblico ed è anche arrivata una entusiasmante vittoria. E’ stato tutto molto emozionante, la sfilata della scuola calcio, il pubblico, i colori, le famiglie presenti al Granillo. Siamo rimasti fortemente colpiti dal calore della gente. La forza nel confermare Zeman? Anche lo scorso anno nei momenti difficili la società è stata vicina a mister Cozza. Quest’anno è successa la stessa cosa, soprattutto quando ti accorgi che le responsabilità non sono tutte addebitabili al tecnico, Karel meritava la nostra fiducia ed i risultati ci hanno dato ragione. Zeman non è presuntuoso, a volte le dichiarazioni vengono interpretate in maniera del tutto personale, lui lavora con professionalità e passione. Ha avuto il merito di mettere insieme un gruppo nato all’ultimo momento, dargli una identità, un gioco, ma anche tenere compatta una squadra nei momenti di maggiore difficoltà. Zeman ha un suo credo tattico ed è giusto che lo porti avanti, poi ci sono le contingenze alle quali ci si deve adeguare, lui lo ha fatto con molta intelligenza e questo glielo dobbiamo riconoscere, il cambio di modulo lo provava da diverso tempo. Gabriele Martino? Un valore aggiunto per questa società e credo di non essere l’unico a pensarlo. Venti mesi fa è iniziato un percorso che intendiamo portare avanti, sperando che sia più lungo e più sano possibile. L’entusiasmo che c’è stato ieri al Granillo non bisogna disperderlo, ma alimentarlo. E’ necessario capire che lo stadio va frequentato non solo per singoli eventi, ma costantemente a sostegno della squadra anche e soprattutto nei momenti di difficoltà. Come alimentare l’entusiasmo? Non illudendo nessuno, proseguendo in base a quelle che sono le nostre possibilità, tutto quello che sarà fatto, vedrà sempre in primo piano responsabilità e dignità. La programmazione è tutti i giorni, le difficoltà si incontrano quotidianamente. Rinforzi societari? Il territorio purtroppo non ha espresso tantissimo e di questo bisogna prenderne atto, nonostante una vasta provincia. Andiamo avanti con grande senso del dovere, il presidente ha fatto tutto questo animato da una grande passione per la città e per la Reggina. Oggi siamo più appetibili ma è necessario che tutto si concretizzi. Gli eventuali nuovi soci devono rispecchiare determinati aspetti che più volte abbiamo evidenziato, possibili nuovi acquirenti dovranno offrire garanzie in termini economici e di progetto. Oggi abbiamo più tempo rispetto al passato, programmiamo è ovvio, ma senza frenesia. Godiamoci questo momento di felicità e serenità, ma sicuramente tutti discorsi con gli altri soci, con il DG Martino e con la curatela della Reggina Calcio, vanno affrontati e perfezionati, ma ripeto, senza frenesia”.