Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, lo stadio in piedi per il capitano. Coralli vuol dire gol, carisma, esperienza

Reggina, lo stadio in piedi per il capitano. Coralli vuol dire gol, carisma, esperienza

Quando lascia il terreno di gioco, da tutti i settori del Granillo, la gente si alza in piedi per applaudirlo. Il capitano Claudio Coralli ha fornito un’altra prestazione di grande generosità con il Melfi e, ovviamente, ha fatto anche gol. L’undicesimo stagionale, a rafforzare quella doppia cifra già raggiunta in occasione del match interno contro la Casertana. Questa volta il rigore lo ha voluto battere senza gesti di generosità, come già accaduto alla seconda di campionato con Oggiano (2-0 al Messina) ed ancora qualche settimana addietro, proprio con la Casertana, concedendo la possibilità di andare dal dischetto ad Alberto De Francesco. Un vero leader, elemento indispensabile nello schieramento di mister Zeman, ma anche giocatore utilissimo all’interno dello spogliatoio, per carisma, esperienza, qualità umane. E’ il finalizzatore di una squadra che nell’arco della stagione ha fatto spesso fatica ad andare a rete, attaccante che nel vecchio 4-3-3 si sbatteva da solo tra le maglie degli avversari, procurando punizioni, fornendo assist e tenendo in apprensione la difesa avversaria. Oggi ha il forte sostegno di Bianchimano e l’aiuto di un nuovo modulo che gli consente di dosare la corsa in campo e quindi essere più lucido all’interno dell’area di rigore. Zeman non se ne priva mai, conoscendone bene le complessive qualità ed essendo consapevole che la rincorsa della Reggina verso la salvezza, passa soprattutto dai suoi gol.

M.F.