Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Praticò: “Targhe e fair play? Mi sono stancato. Chi critica venga al Granillo”

Praticò: “Targhe e fair play? Mi sono stancato. Chi critica venga al Granillo”

La fondamentale vittoria sul Melfi rasserena solo in parte lo stato d’animo di Mimmo Praticò. Il presidente amaranto, ospite della trasmissione ‘Reggina in rete’, è un fiume in piena. Diversi gli argomenti trattati, ma è la questione tifo e passione a farla da padrona.

GRANILLO SEMIVUOTO – “In questi giorni facevo un ragionamento, ricordando i 12 mila tifosi che andarono a Perugia per lo spareggio. Anche allora si trattava di serie C, non capisco perchè adesso la passione sia cosi diminuita, questa salvezza sarebbe più importante di quello spareggio. Non comprendo come a Siracusa, a meno di due ore di macchina da Reggio, vadano 25 tifosi amaranto. Calo del tifo in generale a livello nazionale? Non sono d’accordo, di Reggina si parla sempre e dovunque. I tifosi amaranto hanno l’obbligo morale di seguire e sostenere la squadra, i numeri invece parlano chiaro. Alle critiche però non fanno seguito i gesti concreti, si parla ma senza poi andare al Granillo per sostenere la squadra”.

VIVO DI PASSIONE – “Le motivazioni delle poche presenze allo stadio? Non devo trovarle io. Mimmo Praticò vive di passione, le altre 25 mila persone che non vengono al Granillo parlano per sè stessi. Serve una presenza fisica, allo stadio, per aiutare la Reggina a mantenere la categoria, guardarla in poltona non basta.  Questa squadra, se retrocede, rischia di scomparire. Io da tifoso, prima che da presidente, mi sento a posto con la coscienza. Spero possa farlo chiunque”.

TARGHE E FAIR PLAY – “Mi sono stancato di sentire sempre le stesse cose, di una società che pensa al fair play e alle targhe. Basta, cerchiamo di essere più seri e di pensare alle cose importanti”.

NUOVI SOCI – “Nella scorsa settimana rumors parlavano di imprenditori interessati ad entrare in società? Ribadisco, nulla di concreto. Poi bisogna capire se chi è interessato, si avvicina con un secondo fine, pensando ad un proprio tornaconto. Non può essere cosi, come non si può vendere, faccio un esempio, una macchina a 1000 euro dopo averla appena pagata 10 mila. Rimaniamo aperti e ben disposti nei confronti di chi voglia affiancarsi a noi”.

SALVEZZA FONDAMENTALE – “Forse non stiamo capendo quanto la permanenza in Lega Pro sia fondamentale, è opportuno ricordarlo adesso e non quando sarà troppo tardi. Non voglio vedere lacrime di coccodrillo se la squadra non dovesse riuscire a mantenere la categoria, ma rimango fiducioso. La squadra sta giocando bene, e dopo la vittoria sul Melfi guardiamo ai prossimi due impegni importanti contro Taranto e Catanzaro”.