Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Cozza vede la Lega Pro e intanto rivela: ‘Prima o poi tornerò’

Reggina, Cozza vede la Lega Pro e intanto rivela: ‘Prima o poi tornerò’

“La mia Sicula Leonzio è una delle poche squadre che in Serie D gioca a calcio, per certi versi assomiglia alla prima Reggina di quest’anno”. Ciccio Cozza è a un passo dalla Lega Pro con la sua squadra, ma non smette di seguire il suo vecchio amore a tinte amaranto: “Sto seguendo la squadra amaranto. Mi pare evidente ci siano dei problemi, ma sono abbastanza fiducioso che la squadra abbia la forza per tirarsi fuori da questa situazione diffiicile. Credo però che i calciatori dovrebbero essere più concentrati. Ricordo quando Foti, uno che i risultati li ha quasi sempre ottenuti, ci invitava a gestire al meglio la nostra vita privata”.

All’orizzonte l’impegno con il Melfi: “Credo che, nelle prossime partite, saranno risucchiate nelle zone bassissime anche Akragas e Monopoli.  Loro sono una squadra di categoria che se dovesse andare ai play out ha buone possibilità di farcela, dato che sono dotati di elementi categoria. Forse non hanno un livello tale da poter centrare la salvezza diretta, ma agli spareggi avrebbero grandi possibilità”.

Ciccio Cozza calciatore e la Reggina sono leggenda, diverso è il rapporto  tra il Cozza allenatore e la storia amaranto. Lo scorso anno mancavano le strutture, c’erano difficoltà di vario tipo e sono arrivati i play off, ma l’allenatore della Sicula Leonzio fa un’ulteriore passo indietro: “Il primo anno che sono arrivato ad arrivare la Reggina in Lega Pro avevamo una squadra importante con elementi come Rizzo ed Armellino e inizialmente si era fatto bene.  Per dieci partite abbiamo messo in difficoltà tutte le squadre, non vincendo solo per dei gol presi in maniera stupida.  Facevamo punti, avevamo sei squadre sotto e continuavamo a ricevere penalizzazioni. Non me la sono sentita di continuare a giocare con i ragazzi (Aronica, Belardi e Cirillo arrivarono a gennaio ndr) e in quelle condizioni.  Tornerei?  Si, anzi mi auguro di farlo con le condizioni di poter far bene e migliori di quelle che ho avuto.  Adesso penso a vincere il campionato a Lentini, poi a giugno valuterò le proposte che mi arriveranno”.