Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Reggina Calcio, a breve la cessione d’azienda? Incontro tra il Comune di Reggio e la Curatela

Reggina Calcio, a breve la cessione d’azienda? Incontro tra il Comune di Reggio e la Curatela

Michele Favano – La storia è nota. La Reggina Calcio cessa la propria attività sportiva a livello professionistico nel luglio 2015 ed a distanza di poco meno di un anno, 8 giugno 2016, ne viene sancito il fallimento societario. Il Tribunale di Reggio Calabria, contestualmente alla dichiarazione di fallimento, individua nelle figure di Fabrizio Condemi e Massimo Giordano i curatori. A distanza di diversi mesi, tanti i fatti accaduti, ne facciamo un resoconto con uno dei due curatori, appunto, il dottore Condemi: “Dal 6 ottobre 2016, giorno in cui abbiamo dato in fitto l’azienda Reggina Calcio alla Reggina 1914, la procedura è stata assolutamente regolare con l’introito da parte del fallimento dei canoni locativi stabiliti in contratto. La società presieduta da Mimmo Praticò, altresì è stata disponibile a lasciare un locale all’interno degli uffici del Sant’Agata per le attività istituzionali della curatela.  Al Sant’Agata sono state risolte tutte le problematiche annesse alla sua fruibilità, la curatela ha pagato regolarmente il canone della concessione alla Provincia di Reggio Calabria, impegnandosi a saldare il residuo pregresso al fine di ottenere la disponibilità dello stesso fino al 2020. Per altro, con il passaggio di consegne dalla Provincia alla Città metropolitana, il centro sportivo è a tutti gli effetti patrimonio del Comune di Reggio Calabria. A tale proposito in questi giorni si è avuto un proficuo incontro con il sindaco Giuseppe Falcomatà ed il vicesindaco Mauro, i quali sono stati edotti sulla situazione riguardante il centro sportivo ed in generale sulla procedura Reggina Calcio”.

Siete riusciti a quantificare il valore totale dell’azienda Reggina Calcio per poi procedere al bando?

“L’incarico per la quantificazione del valore totale dell’azienda Reggina Calcio, ivi compresi beni immateriali come marchio, simbolo, colori sociali, palmares e altro, è stato affidato all’architetto Massimo Lauria, il quale ha quasi concluso il proprio lavoro, ad oggi mancante solo di piccoli dettagli di natura procedurale. Pertanto contiamo nel giro di poco di avere il dato effettivo per poter predisporre successivamente il bando dell’affidamento definitivo dell’azienda”.

Rispetto al bando che si andrà a fare, come si pone la Reggina 1914?

“La data di pubblicazione del bando non è stata ancora individuata e la Reggina 1914 ad oggi è regolarmente l’affittuaria dell’azienda fino al 30 giugno 2017. Qualora per motivi di interesse della procedura fallimentare si dovesse optare per ritardare il bando, si potrebbe verificare un’eventuale proroga del fitto d’azienda, ma ripeto, stiamo facendo solo delle ipotesi, visto che la finalità ultima della procedura fallimentare è quella di ottenere il massimo possibile dalla liquidazione dell’intera azienda per la soddisfazione dei creditori”.

Ed allora quando ci dobbiamo aspettare delle novità?

“Se tutto dovesse procedere in maniera positiva, è possibile che qualche novità di rilievo la si possa già avere nel giro di poco tempo, credo e spero che ciò avvenga”.

E della Reggina squadra impegnata in questo campionato ed in lotta per non retrocedere cosa mi dice?

“Dal punto di vista sportivo essendo un grande tifoso e di lunga data, mi dispiace vedere la Reggina nei bassifondi della classifica. Ritengo la squadra non sia così scarsa da meritare l’attuale posizione ma presumibilmente la conduzione tecnica ha avuto qualche criticità ed oggi come spesso accade nel mondo del calcio, un avvicendamento in panchina sembrerebbe essere una delle possibilità per dare un po’ di ossigeno. Conoscendo però il lavoro importante che si sta facendo attorno alla squadra, sperando di vincere le prossime due gare, alla nostra portata, tutti i problemi potrebbero essere risolti. Ricorderai quando verso la fine di ottobre, nel corso di una intervista ti dissi come una delle possibili lacune di questo tecnico fosse stata la poca flessibilità ad un eventuale cambio di modulo comprendente le due punte. A distanza di mesi, ma purtroppo con una situazione di classifica modificata in peggio, ci sono state delle variazioni sull’atteggiamento tattico, anche se lo stesso Zeman non ne appare particolarmente convinto. Sono certo, comunque che la Reggina riuscirà a centrare l’obiettivo salvezza e che a breve torneremo a parlare dell’aspetto più leggero del calcio e quindi programmazione futura e calciomercato”.