Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, anche Allegri parla di atteggiamento. Amaranto altalenanti

Reggina, anche Allegri parla di atteggiamento. Amaranto altalenanti

Se a parlare di atteggiamento è anche l’allenatore della squadra più forte d’Italia, allora c’è da crederci sicuramente. Atteggiamento e qualità dei singoli per riuscire a vincere le gare, questi sono gli aspetti sui quali si sofferma spesso Max Allegri. Questo è quello che si ripete da tempo anche dalle nostre parti per una squadra che di qualità nei singoli ne ha poca, ma che potrebbe sopperire con un comportamento all’interno del rettangolo di gioco fatto di maggiore agonismo e voglia di battersi. Gli amaranto, purtroppo, hanno pagato spesso nell’arco di questa stagione atteggiamenti esageratamente altalenanti ed i ventisette punti in classifica ne sono la dimostrazione. Sembrava aver imboccato la strada giusta il gruppo di Zeman dopo la rimonta di Castellammare di Stabia ed il netto tre a zero sulla Casertana. Il cambio di modulo aveva portato gol ed una compattezza che avevano fatto illudere un po’ tutti. Presentarsi a Matera con l’idea di non poter nulla al cospetto di un avversario ferito ma forte, ha fatto si che ne venisse fuori una prestazione molto al di sotto delle aspettative e con una infinita serie di errori tecnici. Umili e determinati ha dichiarato a fine gara mister Auteri, era quello che tutti desideravano sentire dall’allenatore amaranto, il quale, invece, ha sottolineato le difficoltà di alcuni suoi uomini ad assimilare il nuovo modulo. Gioventù ed inesperienza continuano a condizionare il rendimento degli amaranto, della non eccelsa qualità se ne parla da tempo, ingiustificata invece è questa intermittenza nell’atteggiamento che speriamo abbia avuto il suo epilogo nella terra dei sassi, perché da questo momento sbagliare significherebbe rischiare di compromettere la permanenza.

Michele Favano