Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / La Reggina vince e convince, demolita la Casertana (3-0)

La Reggina vince e convince, demolita la Casertana (3-0)

di Pasquale De Marte – La Reggina riassapora la gioia della vittoria che mancava dal 21 gennaio e compie un importante passo nel lungo percorso che la aspetta da qui alla salvezza.

Al Granillo cade la Casertana, un avversario battuto con una prova di grande concretezza e giocando una partita priva di ricami che, in altre fasi del campionato e gara d’andata compresa, avevano portato gli uomini di Zeman a lasciare tanti, troppi punti per strada.

Una prova caratterizzata quasi da un inaspettato cinismo per i padroni di casa che contro la formazione di Tedesco si sono fatti apprezzare per la capacità  di restare dentro la partita, di non perdere mai la testa e anche per non essersi fatti intimorire da un avversario che in alcune circostanze non si è fatto problemi a metterla sul piano fisico.

La sensazione è che la Reggina un po’ capito quali siano le credenziali che si richiedono ad una squadra di categoria.

Tanti i singoli a ergersi oltre la la media, tra cui quelli finiti sul tabellino dei marcatori ma anche Botta, autentico leader tecnico della squadra.

Il pareggio ottenuto in rimonta a Castellammare di Stabia convince Zeman a riproporre lo stesso atteggiamento tattico visto al “Romeo Menti”.   Il 4-3-3 finisce in soffitta, così come i propositi di bel gioco.  Gli amaranto si affidano con buona costanza ai lanci lunghi per la testa di Bianchimano che prova a far valere i suoi centimetri a supporto di Coralli, al rientro dopo la squalifica e, per la prima volta in stagione dall’inizio, chiamato ad agire praticamente da seconda punta.

Il tecnico va dritto per la sua strada ed anche a destra viene confermato Romanò.  Il centrocampista centrale, nel 5-3-2, agisce da esterno, pur essendo un centrocampista centrale e non avendo fatto una buonissima impressione nel pareggio ottenuto in Campania.

Dall’altra parte c’è una squadra come la Casertana che, da subito, dimostra di avere le armi che si richiedono in categoria: intensità e cattiveria agonistica in primis.  Lo si evince dai contrasti rudi con cui vengono morse le caviglia degli amaranto che, pur non incantando sotto il profilo tattico, dimostrano di essere in grado di non farsi sottomettere sul piano della lotta e dell’agonismo.

Il match è piuttosto sbloccato e per vedere alterato il suo equilibrio ha necessità di un episodio che si verifica  al 20′ quando Finizio sbaglia un disimpegno, Bangu ruba palla e si invola palla al piede verso la porta avversaria, mostrando tutta la sua abilità nel dribblare agevolmente il portiere avversario Ginestra e a portare avanti i padroni di casa.

Per il resto, nel primo tempo, accade poco o nulla.

L’avvio della ripresa è promettente per gli ospiti che, per qualche minuto, sembrano attaccare con la giusta convinzione.  La Reggina regge  ed appena mette la testa nell’area di rigore avversaria trova il modo di far male.

Prima Bangu se ne va sulla sinistra e serve a Coralli un pallone che andrebbe solo spinto in rete, ma il capitano si divora il raddoppio.

E’ una disperazione che dura poco perchè al 61′ riesce a rifarsi: bellissima azione nell’area campana con Bianchimano si appoggia su Bangu che vede la bella sovrapposizione di Porcino sulla sinistra,  da cui arriva un palla deliziosa per il bomber  che segna il suo decimo centro stagionale.

Al 70′ Coralli, lanciato a rete, viene stesso da D’Alterio.  E’ rigore, dal dischetto si presenta De Francesco (grande gesto  del capitano nel cederglielo) e spiazza Ginestra.

Con la partita in ghiaccio gli amaranto rischiano di dilagare, ma il risultato non cambia più.

REGGINA – CASERTANA 3-0
Marcatori: 20’ Bangu, 61’ Coralli, 70’ De Francesco (rig.),

REGGINA: Sala, Gianola, De Francesco, Coralli, Botta, Kosnic, Porcino, Bianchimano (81’ Leonetti), Bangu (74’ kNUDSEN), Romanò (64’ Maesano), De Vito All. Zeman
CASERTANA: Ginestra, Finizio, Magnino, De Marco (61’ Ciotola) , Rajcic (64’ Giorno) Corado Gaston, Ramos, D’Alterio, Carriero, Rainone, Cisotti (69’ Orlando) All. Tedesco
Arbitro: Amabile di Vicenza – Assistenti: Leonarduzzi di Merano e Colinucci di Cesena
Ammoniti: De Marco, Ramos, Rainone, D’Alterio, De Francesco,
Recupero: 1’pt,4’st