Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / “Ciao Furia”, il calcio reggino piange la scomparsa di Battista Missiroli

“Ciao Furia”, il calcio reggino piange la scomparsa di Battista Missiroli

Una famiglia amaranto. Negli ultimi anni il Missiroli più in voga era stato Simone, ma la saga amaranto della famiglia l’aveva iniziata Battista che, da Ravenna, aveva deciso di mettere radici in riva allo Stretto. Da Battista al ‘Missile’, il figlio Simone, uno dei talenti più luccicanti forgiati al S.Agata e da diversi anni in serie A con le maglie di Cagliari e Sassuolo. “Furia” come era soprannominato ha indossato la maglia amaranto negli anni ’70. Sì é spento a soli 63 anni in una domenica pomeriggio di febbraio.

Questo il comunicato apparso sul sito ufficiale del club amaranto.

La notizia che non avremmo mai voluto dare. Nel pomeriggio odierno si è spento a soli 63 anni l’ex centrocampista della Reggina della metà degli anni ’70 “Furia” Battista Missiroli padre di Simone ex amaranto ora al Sassuolo. L’indimenticato calciatore originario della provincia di Ravenna, si era ormai stabilito a Reggio a fine carriera ed è ricordato ancora le sue incredibili sgroppate sulla fascia.

Il presidente, il Consiglio di amministrazione, i soci, il direttore generale, lo staff tecnico, la prima squadra, il settore giovanile ed i collaboratori tutti si uniscono al dolore della famiglia Missiroli.

Le più sentite condoglianze da parte della redazione di Strill, alla famiglia di Simone.