Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Porcino: “Il gol al Messina brivido più grande. A Cosenza per vincere”

Reggina, Porcino: “Il gol al Messina brivido più grande. A Cosenza per vincere”

“La scorsa estate, quando si è aperta la possibilità di tornare alla Reggina, non ho voluto sapere di eventuali alternative. Desideravo fortemente dimostrare quanto valgo con la maglia amaranto”, ha dichiarato Antonio Porcino nel corso dell’intervista in diretta Facebook pubblicata sulla pagina di Citynow.

L’esterno classe ’95, in un viaggio a ritroso, ha rivissuto le pagine più belle in amaranto, da tifoso e da giocatore. “La promozione in serie A nel 1999 la prima gioia, come dimenticare poi il gol realizzato da Barreto in un Granillo stracolmo decisivo per la permanenza in massima serie. L’emozione più grande da giocatore? Non ho dubbi, il gol segnato al Messina nel derby di andata. A ripensarci adesso, mi vengono di nuovo i brividi”.

Da esterno sempre impiegato sulla corsia mancina, gli esempi da imitare e i top player ricalcano lo stesso ruolo. “Giovanni Morabito e Antonio Barillà hanno vestito la maglia della Reggina per diversi anni, essendo entrambi reggini ed esterni mancini li ho ammirati in modo particolare. Non dimentico anche Simone Rizzato, ottimo giocatore e splendida persona. Tra i top player mi piace molto l’ex Juventus Evra, anche se adesso gioco più avanti (ride, ndr)”.

Di Karel Zeman, prima del derby con il Messina, l’idea di spostarlo in posizione avanzata: “La sua decisione mi aveva sorpreso, non sapevo se avrei interpretato bene quel ruolo. Adesso invece mi sento di ringraziarlo per l’intuizione, mi trovo bene da esterno offensivo e penso possa essere questo il mio ruolo anche in futuro. Un giudizio sul tecnico amaranto? E’ preparato, meticoloso e sa come parlare con i giocatori. Ha anche un difetto, mi massacra sul piano fisico”, dichiara sorridendo.

Reggina che sembra aver giocato, sino a oggi, tre campionati diversi. Ottima la prima parte, pessimo l’intermezzo, di nuovo positiva (trasferte di Messina e Catania a parte) nell’ultimo periodo.  “Il pareggio di Caserta all’ultimo minuto è stata una mazzata, il nostro calo successivo però credo sia stato più fisico che psicologico. Da qualche settimana stiamo di nuovo bene e in campo si nota”.

Sui difetti della squadra amaranto, che spesso fatica lontano dal Granillo, e il prossimo derby con il Cosenza, Porcino afferma:” Le nostre lacune? Non crediamo troppo nelle nostre qualità, siamo una squadra più forte di quello che dice la classifica. In trasferta facciamo fatica perchè ci manca la spinta del Granillo, sin dal prossimo derby con il Cosenza andremo a caccia della prima vittoria esterna”.