Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, De Vito: ‘Impossibile dire no a questa maglia. Convinto anche da Mariotto’

Reggina, De Vito: ‘Impossibile dire no a questa maglia. Convinto anche da Mariotto’

Si presenta alla stampa l’ultimo arrivato in casa amaranto Marco De Vito, difensore proveniente dal Monopoli, formazione che la Reggina affronterà sabato pomeriggio, indosserà la maglia numero 30: “Fa certamente effetto giocare subito contro la mia ex squadra. E direi che va benissimo così, per una questione di stimoli, voglio dare il massimo per raggiungere la salvezza. La trattativa è nata nell’ultimo giorno di mercato, ci sono state altre richieste ma non ho dato importanza, alla Reggina non si può dire di no, si è deciso nel giro di pochissimo tempo. Il Ds Mariotto mi ha chiamato proprio ieri, mi ha consigliato anche lui di venire qui a Reggio Calabria, lo spazio a Monopoli che non ho trovato lo lascio immaginare a voi. Mi ha parlato dei tifosi, della città, sono davvero entusiasta e spero di farmi trovare pronto quando vengo chiamato in causa. Guadagnarmi il posto fa parte del mio mestiere, nessuno regala nulla, saranno gli allenamenti durante il corso della settimana a darmi la possibilità di dimostrare il mio valore. Non creo alcun problema a nessun tecnico riguardo la possibilità di giocare o meno, sono sempre a disposizione, per questi colori chiunque vorrebbe giocare. Ho sempre fatto il difensore centrale, centro destra o sinistra senza alcuna preferenza, credo di saper leggere bene le situazioni, la statura mi consente di avere uno stacco buono di testa, poi lascio a chi mi guarda il giudizio sulle mie capacità. Il DG Martino mi ha detto che crede molto in questo gruppo, per questo si è deciso di fare pochi interventi. Ho letto di problemi difensivi, metterò a disposizione tutto me stesso per migliorare sotto questo aspetto. Zeman mi ha fatto un’ottima impressione, uomo di poche parole ma con idee chiarissime, trasmette concetti importanti e tanta tranquillità. Se esulto sul gol? Intanto spero di giocare, i gol trasmettono emozioni uniche, vedremo, se dovesse succedere…”