Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, l’ammissione di Martino: “Salernitana su Porcino e De Francesco”

Reggina, l’ammissione di Martino: “Salernitana su Porcino e De Francesco”

Non è un mistero che Porcino e De Francesco, per qualità, età e caratteristiche, siano i due giocatori della Reggia con più mercato. Il d.g. Martino ha chiaramente parlato dell’interesse della Salernitana nel corso della trasmissione “Assist – Oltre il Novantesimo”: Porcino e De Francesco? Sono calciatori che la Salernitana segue e che mettono insieme tante buone qualità. A partire dall’anagrafe, Porcino è un classe 1995, De Francesco un classe 1994. Le caratteristiche tecniche dei due calciatori che sono di categoria superiore. La Salernitana li ha seguiti, sono calciatori che hanno il parere positivo sia del tecnico che della dirigenza granata”, le parole di Martino raccolte dal portale Salernogranata.

Il d.g. amaranto si è soffermato nel dettaglio di una trattativa che potrebbe sbocciare in caso di offerte interessanti per il club di Praticò: ‘Non si è ancora andato a fondo sul tema, in quanto sono due pedine importanti per noi, soprattutto per ciò che riguarda l’obiettivo di mantenere la permanenza in Lega Pro. Ce ne priveremmo solo in cambio di contropartite tecniche ed economiche. Contropartite tecniche come Franco? La Salernitana ha tanti buoni giocatori, non solo attinenti alla Reggina e alla Lega Pro. Non c’è solo Franco, ci sono calciatori che, magari, non sono titolari e che farebbero gola a tante compagini di terza serie. Caccavallo? Lo vuole il Venezia, il Parma. Noi siamo meno ricchi di loro ed ancora poco attraenti’.

‘Bangu? E’ un elemento importante. Chi ha visto la Reggina nelle prime 12 partite nel girone C di Lega Pro ha visto individualità importanti, una squadra che giocava bene e che faceva divertire il proprio pubblico. Se ha visto la Reggina recentemente, ha riscontrato una squadra dal rendimento incostante. Tipico delle squadre giovani, quali siamo noi. Bangu è stato tra quelli, come De Francesco e Porcino, meno discontinui o meglio più continui. Sono giovani -conclude Martino- destinati a categorie superiori’.