Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, aumento del capitale sociale e mercato. Il futuro in pochi giorni

Reggina, aumento del capitale sociale e mercato. Il futuro in pochi giorni

Sta per concludersi il periodo di vacanza per la Reggina. Da lunedi la squadra si ritroverà al Centro sportivo S. Agata per la ripresa degli allenamenti e da quel momento mister Zeman cercherà di rimettere in ordine tutte quelle cose che sembravano un meccanismo perfetto fino alla trasferta di Caserta e che poi, improvvisamente, si sono trasformate in una incredibile involuzione. Insieme a tutte le problematiche evidenziate dal tecnico, quindi spirito di sacrificio, mancanza di concentrazione ed in alcune circostanze anche poca voglia, c’è da rimodulare una preparazione atletica che, nella scorsa estate, dell’attuale gruppo, in pochi hanno svolto. E questi quattordici giorni potrebbero rappresentare un periodo utile per accumulare forza ed energie, mettere benzina nelle gambe e tentare la risalita in questa seconda parte di stagione. Nel frattempo si attendono buone nuove sul fronte societario e dal mercato, situazioni strettamente collegate. Il presidente Mimmo Praticò, prima della gara con il Fondi ha manifestato la necessità di aumentare il capitale sociale al fine di poter giungere a conclusione del campionato in maniera serena, affrontare eventuali difficoltà senza particolari affanni, recuperare risorse per questa sessione di calciomercato. Ad oggi la minoranza, pur avendo dichiarato la disponibilità a farlo, non ha effettuato ancora alcun passo ufficiale, molto probabile che questo possa avvenire nei primi giorni della prossima settimana. Intanto dal mercato nessuna novità ufficiale. Ci vengono confermate le intenzioni che sono quelle di una conferma in blocco dell’attuale organico e qualora vi fossero le opportunità, l’inserimento di qualche elemento che possa aumentarne la qualità. Di sicuro si cercano un altro difensore centrale ed un attaccante ma, come detto, prima di qualunque affondo nella trattativa, sarà necessario capire quali saranno le disponibilità economiche. Più consistenti dovrebbero essere le operazioni in uscita.