Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, si sceglie la strada della continuità. Il budget è molto limitato

Reggina, si sceglie la strada della continuità. Il budget è molto limitato

Rivoluzioni? Lo avevamo ipotizzato tutti in base a quelle che erano le indicazioni che arrivavano, tra possibili cessioni di calciatori mai o poco utilizzati e richieste su altri che arrivano da ogni parte. La strategia della Reggina, invece, sembra essere orientata in senso opposto. Intanto per l’impossibilità ad intervenire in maniera decisa su eventuali obiettivi, poi perché le offerte giunte per alcuni giocatori che in amaranto rappresentano punti fermi per il tecnico, sono ritenute inadeguate, ma anche per la convinzione di poter andare avanti con questo gruppo. Ed allora ecco che il percorso scelto la scorsa estate e gli uomini individuati per arrivare alla salvezza, con ogni probabilità troverà la sua conferma anche al termine di questa seconda sessione di calciomercato. A partire dall’estremo difensore Sala, altalenante nelle sue prestazioni come lo è stata la squadra in questa prima parte di campionato, ma pienamente confermato. La società, inoltre, a più riprese ha smentito il possibile trasferimento di Kosnic al Catanzaro, perché la logica dice che non si può andare a rinforzare una diretta concorrente, magari faticando pure a trovare una soluzione alternativa valida, anzi migliore. Su Porcino e De Francesco sia il presidente come anche il DG in precedenza, si sono espressi in maniera molto chiara. Nessuna delle tante richieste verrà presa in considerazione e siccome soprattutto a gennaio spese folli non se ne fanno neppure per i fenomeni, i due calciatori rimarranno in riva allo stretto per portare a termine e conquistare l’obiettivo prefissato. Valutazioni riguardo possibili cessioni, come detto in apertura, potrebbero essere fatte per coloro che fino ad oggi hanno trovato poco spazio, ammesso che per gli stessi si riesca a trovare una sistemazione. Se tutte queste indicazioni dovessero trovare conferma nello sviluppo dell’attuale calciomercato, chiaro che dovranno essere gli atteggiamenti di tutti a dover necessariamente cambiare. Il tecnico è stato diretto e schietto nelle sue ultime dichiarazioni post Messina. Chi non ha voglia di sacrificarsi, chi non intende battersi fino all’ultimo istante per questa maglia, potrà cambiare aria. Gli ha fatto da eco il presidente Praticò, tutti avvisati.