Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calciomercato – Reggina, difesa da ricostruire e attacco da potenziare. Ma il budget?

Calciomercato – Reggina, difesa da ricostruire e attacco da potenziare. Ma il budget?

L’analisi di questa prima parte di stagione, non potrà essere giudicata come positiva per la Reggina. Una partenza a razzo, una squadra brillante, un pubblico entusiasta, poi il pauroso crollo. Risultati negativi a ripetizione che hanno portato gli amaranto in piena zona play out ed una enorme fatica a venirne fuori. Il 2016 si è concluso, poi nel peggiore dei modi, con la sconfitta nel derby di Messina che ha ulteriormente accentuato malumori e polemiche. Alimentate anche dalle dichiarazioni di mister Zeman che ha parlato di mancanza di spirito di sacrificio di alcuni dei suoi calciatori e rilasciate dopo un derby sentito come quello contro il Messina non è il massimo. Anche se la mancanza di voglia, di spirito, di attenzione, il tecnico più volte le ha sottolineate fino ad arrivare ad affermare che chi non ha determinati presupposti, è preferibile vada via. Adesso la lunga sosta e quindi nessuna distrazione dalle vicende che riguardano il calciomercato sul rendimento dei calciatori in campionato. Se qualcuno, come dice il tecnico ‘è meglio che vada via per mancanza di voglia’, tanti altri dovrebbero farlo per carenze qualitative e tecniche. Ragionando in base a quello che si è visto in questa seconda parte di girone di andata ed inizio del ritorno, molto, anzi moltissimo andrebbe modificato di questa squadra. A partire dalla difesa dove esagerati sono stati gli errori individuali, dal portiere fino a tutto il reparto arretrato, come evidenti sono le difficoltà a trovare non solo la via del gol, ma anche la semplice conclusione. Quindi difesa più esperta e robusta, si parla di Lanzaro, ma anche uomini capaci di poter esaltare al meglio quel 4-3-3 che con il tempo si è trasformato in uno spento e poco produttivo 4-5-1. Esterni bassi ed alti di grande piede e corsa, saranno queste le ricerche sul mercato del direttore generale Gabriele Martino, ma anche un attaccante in grado di poter essere più incisivo sotto porta. Con quale budget? La società continua a ripetere che si farà quello che le disponibilità economiche consentiranno, di sicuro in tanti andranno via e forse si penserà a fare cassa cedendo qualche pezzo pregiato.