Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Martino: “Partita importante ma non decisiva. Mercato? Intanto ricompattiamoci”

Reggina, Martino: “Partita importante ma non decisiva. Mercato? Intanto ricompattiamoci”

Sarà un derby all’insegna delle basse temperature, rigide, molto rigide per un fine dicembre che ha visto un calo brusco anche nella zona dello stretto. Sarà caldissimo in campo, per l’importanza che il derby tra Messina e Reggina riveste da sempre, ma anche per le necessità di classifica di entrambe le squadre. Ne ha parlato ai colleghi di Reggio nel Pallone, nel corso dell’intervista realizzata da Ferdinando Ielasi, il direttore generale Gabriele Martino : “Sappiamo quanto conti questa partita per i nostri tifosi e sappiamo che anche in termini di classifica andremo ad affrontare una tappa importante del nostro cammino, dati alla mano, si tratta di una sfida-salvezza. Premesso ciò, e fermo restando che fare bene in un derby ti dà ulteriore slancio e convinzione nei tuoi mezzi, non va considerata come una gara decisiva, nè per l’una nè per l’altra compagine: sarebbe quantomeno azzardato pensare ciò, con altre diciassette partite da giocare. Mi auguro che Messina-Reggina regali una pagina di sport, senza travalicare i limiti del sano agonismo e di una posta in palio che sarà comunque alta su entrambi i fronti. Sono certo che i ragazzi onoreranno sia il derby che la nostra gloriosa maglia. Faremo di tutto per dare continuità alla vittoria contro il Fondi, sperando di regalare una gioia ai nostri tifosi, i quali purtroppo non potranno seguirci al San Filippo. Questa società ha rilanciato il calcio a Reggio con il desiderio di creare un grande feeling con la propria gente, mi auguro che ritorni l’entusiasmo delle prime giornate. Non è certo questo il momento di pensare al mercato, la priorità adesso consiste nel dare convinzione e serenità ad un gruppo giovanissimo, che di sicuro ha incontrato un momento di difficoltà, ma che gode della nostra fiducia. Prima ancora che il mercato o eventuali acquisti, in realtà come la nostra a fare la differenza devono essere l’unione di intenti e la compattezza di tutto l’ambiente”.