Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, basta apatia, si cambi atteggiamento. 4 punti nelle due gare, un obbligo!

Reggina, basta apatia, si cambi atteggiamento. 4 punti nelle due gare, un obbligo!

La Reggina, lontano da occhi indiscreti nel fortino del S. Agata, cerca le soluzioni per venire fuori da un lungo periodo di crisi. Undici giornate senza mai conoscere il gusto della vittoria, un periodo lunghissimo che nessuno mai avrebbe potuto immaginare. Talmente lungo da far pensare che neppure chi vive quotidianamente le vicende della squadra amaranto, vedi società, direttore generale e tecnico, riescano a capirne bene le cause. Sbalzi di umori e di comportamenti da parte di un gruppo capace di esaltare ed esaltarsi per le prime dieci giornate di campionato, salvo poi entrare in un tunnel che appare senza alcuna via d’uscita. Eppure una strada per venire fuori da questa incredibile involuzione ci dovrà essere e soprattutto bisognerà trovarla, attraverso un’analisi approfondita con mister Zeman ed i suoi calciatori, in attesa poi di capire quanti di questi saranno in grado di continuare l’avventura in amaranto e quanti ne dovranno arrivare per rinforzare l’attuale organico. Ma l’ultimo posto in classifica impone pure modifiche immediate almeno nell’atteggiamento, perché un primo tempo come quello di Pagani non si può ripetere per svogliatezza, apatia, incapacità di proporre qualsiasi cosa. Prima della chiusura dell’anno almeno quattro dovranno essere i punti da conquistare, questo significa almeno una vittoria nei due match che si giocheranno, il primo al Granillo contro il Fondi, il secondo a Messina tra Natale e Capodanno. E sarebbe imperdonabile, in mezzo ad una crisi profonda di risultati ed una contestazione crescente, un’ulteriore battuta d’arresto nella gara che per i tifosi è quella più importante della stagione.

Michele Favano