Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, porte chiuse, società in silenzio, Zeman non parla. Nessuna distrazione

Reggina, porte chiuse, società in silenzio, Zeman non parla. Nessuna distrazione

Prima gli allenamenti di fine settimana a porte chiuse, poi la decisione di rinunciare alla conferenza stampa pre gara, causa allerta meteo. Segnali di una Reggina che intende rimanere concentrata sul pezzo, nessuna distrazione, nessun vantaggio agli avversari in termini tattici o attraverso qualche dichiarazione che può venire fuori dall’incontro con i giornalisti. La situazione è delicata, forse la più difficile della gestione Praticò, il quale, insieme a tutto il gruppo dirigenziale, ha deciso di percorrere la strada del silenzio e vivere con la massima tranquillità e concentrazione il momento. Superfluo ribadire che non è ammissibile un altro passo falso. Numericamente farebbe precipitare gli amaranto all’ultimo posto della graduatoria, proprio al fianco del Catanzaro, ma soprattutto andrebbe a creare una situazione seria sulla conduzione tecnica e il futuro in generale. Zeman non ha lasciato indicazione alcuna neppure nei primi giorni della settimana, c’è curiosità da parte di tutti nel capire quale sarà lo schieramento iniziale, oggi meno scontato rispetto a quanto succedeva fino a qualche giornata addietro. L’attenzione di tutti è puntata soprattutto sul giovane Tripicchio, lanciato nella mischia contro il Taranto per la prima volta in questa stagione e protagonista assoluto con una grande prestazione ed un gol capolavoro. Lo si dovrebbe vedere nel tridente offensivo insieme a Coralli e Porcino, possibilità novità si potranno registrare in mezzo al campo.