Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, attenzione alla voglia di vincere. Orgoglio, forza ma anche testa

Reggina, attenzione alla voglia di vincere. Orgoglio, forza ma anche testa

Dopo le sconfitte, dopo le polemiche, dopo i confronti, cosa aspettarsi domenica dalla Reggina? Punto di domanda che avrà una risposta nel momento in cui gli amaranto scenderanno in campo ed affronteranno il Taranto, altra formazione in crisi oltre che in cerca di gloria e soprattutto punti. Sponda amaranto è facile prevedere una iniziale aggressività, la squadra ha voglia di reagire e mettere alle spalle il periodo negativo. Il lavoro del tecnico di questa settimana non è stato solo tecnico-tattico. C’era da entrare nella testa dei calciatori e capire, oltre ad una condizione fisica non più ottimale, quali siano state le motivazioni che hanno portato a questo crollo. Da quello che filtra il gruppo intero attende impaziente la sfida di domenica sera, ha voglia di riscattarsi, dimostrare al pubblico che quelle prime nove giornate non erano frutto del caso, tornare a fare punti perchè la classifica lo impone. Ma, come detto, oltre ad immaginare una squadra subito aggressiva, sarà fondamentale usare oltre alla gambe anche il cervello. Perchè il desiderio di rivalsa non si deve trasformare in irrazionalità. Ci vorrà equilibrio e pazienza, quello che non dovrà mancare per tutto il corso della gara è la presenza all’interno del match. Perchè soprattutto nelle ultime quattro settimane i black out sono stati continui, fino alla totale passività dell’incontro di Melfi. Sull’undici che Zeman andrà a schierare, vi saranno delle novità. Il modulo sicuramente non subirà modifiche, quanto invece gli uomini che andranno ad interpretarlo.