Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, i calciatori vogliono il calore dei tifosi e la società apre il S. Agata

Reggina, i calciatori vogliono il calore dei tifosi e la società apre il S. Agata

Convinzione, consapevolezza e voglia di stupire ancora. La Reggina vuole proseguire quanto di buono già fatto in questo primo percorso di campionato e confermare di potersi confrontare ad armi pari con chiunque. A Caserta si gioca contro una formazione ferita, sorprendente la batosta subita dalla squadra del giovane tecnico Tedesco sul campo del Francavilla. Casertana che in casa ha conquistato solamente quattro punti, contro una Reggina che, invece, in campo avverso deve ancora conoscere la prima vittoria stagionale e delle quattro partite giocate, ha ricavato solamente due punti. Potrebbero essere gli stati d’animo a fare la differenza. La settimana in casa dei campani è stata parecchio movimentata con il cambio nell’assetto societario e la pesanti dichiarazioni del massimo dirigente uscente nei confronti di chi oggi è alla guida della società. Gli amaranto, invece, viaggiano sulle ali di un entusiasmo che coinvolge veramente tutti. Squadra e pubblico appaiono ormai un’unica cosa e l’apertura del S. Agata nella giornata della rifinitura, crediamo, non sia una scelta casuale. Il gruppo, giovane, avverte la necessità di sentirsi sostenuto in ogni momento, la tifoseria risponde in gran numero e calorosamente. Sul fronte formazione, riteniamo che anche per questa gara non si registrino particolari novità. L’undici che da settimane trova conferma, ha un suo assetto ben consolidato ed anche la condizione atletica raggiunta, fornisce ampie garanzie in fatto di rendimento e tenuta. Coralli insegue il suo secondo gol stagionale, Oggiano è in crescita, sono i due uomini che potrebbero fare la differenza in partite come questa. Zeman punta anche sulle qualità di inserimento e realizzative di Bangu, vera sorpresa di questo avvio di campionato.