Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Granillo e S. Agata, finalmente la luce. E adesso tutto può cambiare

Reggina, Granillo e S. Agata, finalmente la luce. E adesso tutto può cambiare

E’ in fase di collaudo il dispositivo UPS. Montata l’apparecchiatura ed ottenuto l’ok dai collaudatori, può ritenersi concluso un altro passo verso la totale agibilità del Granillo. Insieme a questo l’Assessore Zimbalatti ha provveduto, secondo quanto richiesto, all’abilitazione dello scatto automatico che consente il mantenimento dell’energia elettrica in caso di black out ed operato il taglio di alcuni alberi che impedivano la chiara visuale tra le telecamere di sorveglianza ed il settore ospiti. Ultimate le operazioni, sarà poi la commissione di vigilanza, presumibilmente nella giornata di venerdi, a dover dare la definitiva approvazione per l’aumento della capienza riguardo gli spettatori. Sul manto erboso c’è da fare un discorso a parte. In mancanza di partecipazione alla manifestazione di interesse, l’affidamento avverrà in maniera diretta e già da domani potrà avviarsi il trattamento relativo alla nuova semina. Prima di farlo, però, sarà d’obbligo un colloquio con i dirigenti della Reggina per capire tempi di intervento e modalità. Se è vero, come ormai da giorni si discute, che la squadra potrebbe a brevissimo iniziare i propri allenamenti al S. Agata, l’opera di recupero del terreno di gioco potrà avvenire da subito, altrimenti il tutto potrebbe essere rimandato alla prossima settimana con la possibilità di trattamento del manto erboso senza calpestio per quattordici giorni pieni. Dal Comune fanno sapere che si sarebbe in grado di iniziare da subito ma, come detto, la decisione si intende prenderla in accordo con la società del presidente Praticò. Sul S. Agata, invece, l’incontro tra Reggina 1914 e curatori è fissato per domani mattina.