Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina – Cosenza, Zeman: “Loro più forti di noi, assenze non peseranno. Coralli ci sarà”

Reggina – Cosenza, Zeman: “Loro più forti di noi, assenze non peseranno. Coralli ci sarà”

“Giochiamo contro un avversario forte, che ha ambizioni diverse dalla nostra e sulla carta superiore. Giocano sulla difensiva e ripartono in velocità, forse vista la maggiore forza contro di noi potrebbero scegliere di attaccarci e in quel caso dovremmo essere noi a saper sfruttare il contropiede. Potrebbero mancare loro due pedine fondamentali, ma hanno un organico forte abbastanza da sopperire ad un paio di assenze”.

Karel Zeman sceglie di presentare con la massima umiltà il derby con il Cosenza. La sua Reggina parte sfavorita, ma avrà la sua punta di diamanate: “Coralli ci sarà. Non può essere al massimo”.

Zeman non ama le palle alte per le punte e sceglie la strada dell’ironia per mettere in guardia i suoi
“Oggi abbiamo provato qualche cross, in modo da farli sfogare. Spero si siano divertiti”.

E’ una Reggina, che però preoccupa soprattutto per qualche amnesia difensiva: “Si è lavorato a livello individuale per essere più convinti e decisivi per arrivare sulla palla. Tra una squadra piena di invidui che vuole prendere una palla in area e un’altra no, sarà sempre la squadra più determinata a prendere la palla che arriva in area”.

Tanti giocatori,nella rosa amaranto, hanno giocato poco. Zeman è chiaro: “Abbiamo tanti giocatori che possono essere utili, ma più di undici non ne posso mandare in campo. Non è detto che faccio sempre le scelte giuste e un giorno scopriremo che qualcuno che è stato fuori fino ad ora è il giocatore più forte della squadra. Nella mia visione tanti ragazzi anno qualità, ma in allenamento si vede che sono meno pronti. Qualcuno sta facendo passi in avanti importanti, qualcuno meno”.

“Dopo ogni partita ho un pizzico di delusione perchè mi aspetto sempre qualcosa di più. ma – conclude – non è ancora arrivato il momento di stravolgere una formazione tipo che sta facendo discretamente”.