Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / La Reggina ci prova, nel derby con il Messina contro il pronostico. Le possibili scelte

La Reggina ci prova, nel derby con il Messina contro il pronostico. Le possibili scelte

Alle ore 16.30 la domenica si farà rovente per la Reggina. Gli amaranto, infatti, scenderanno in campo per il derby dello Stretto contro il Messina e lo faranno senza avere i favori del pronostico.

Davanti si troveranno una squadra consolidata in Lega Pro, dotata di elementi di esperienza per la categoria e che già al debutto ha dimostrato di avere una marcia in più rispetto a chi, come il Siracusa e i dirimpettai, proviene dalla Serie D.

Gli amaranto hanno cambiato tantissimo rispetto alla passata stagione, ma dopo il ripescaggio hanno deciso di puntare sulla freschezza e sul talento di tanti giovani che ci si augura possano pagare il meno possibile lo scotto con la categoria.

A Fondi, all’esordio, è andata male (3-1) e il derby già alla seconda giornata di campionato non può essere un dato favorevole.

Ma Zeman sa che bisognerà gettare il cuore oltre l’ostacolo e, spinti dai tifosi (sei-settemila circa), si proverà ad avere ragione di un avversario, superiore sulla carta, ma che oltrepasserà lo Stretto con l’handicap di non avere la tifoseria al seguito, per via del provvedimento che ha vietato la trasferta ai sostenitori siciliani.

Lo farà la Reggina, giocando con la tipica filosofia zemaniana: la migliore difesa è l’attacco, tramandata di padre in figlio.

4-3-3 per gli amaranto. In porta ci sarà Sala.  Qualche dubbio nella difesa a quattro dove i favoriti per una maglia da titolare per il ruolo di centrale sono Gianola e Kosnic, che ha recuperato.

A desta agirà Cane, mentre a sinistra l’ultimo arrivato Possenti potrebbe momentaneamente scalzare Porcino dalla maglia di titolare, trattandosi di uno dei pochi calciatori di buona esperienza che la formazione dello Stretto ha.

Non sembrano destinate a essercene, ma si potrebbero registrare novità in un centrocampo che, a rigor di logica, dovrebbe avere Botta mediano davanti alla difesa con De Francesco e Bangu schierati come interni.

Nel tridente offensivo Coralli sarà il centravcanti. A coadiuvarlo Oggiano e uno tra Carpentieri, Lancia e Tripiccchio, con il primo favorito.