Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, il derby si prepara al Granillo. Prima seduta a porte chiuse

Reggina, il derby si prepara al Granillo. Prima seduta a porte chiuse

La settimana di allenamenti al Granillo è cominciata con le porte chiuse. Il clima attorno alla squadra trasmette molta pressione, conseguenza della sconfitta subita alla prima uscita stagionale e dell’avvicinarsi del sentitissimo derby con il Messina. Per questo motivo, società e tecnico hanno deciso di “isolare” il gruppo e tenerlo concentrato su quello che sarà il prossimo appuntamento, delicato, importante, da preparare con la massima attenzione. Questa è una Reggina giovane composta da moltissimi elementi che la Lega Pro la stanno vivendo e vedendo per la prima volta. Superficiale, troppo superficiale il giudizio di chi ha valutato il Fondi semplicemente come una formazione arrivata dal dilettantismo, con poca storia e quindi da dover superare facilmente. Tutt’altro. La società oltre a potenzialità economiche serie, ha un presidente ambizioso ed ha costruito il proprio organico con elementi che hanno anche militato in categorie superiori. Non è affatto sorprendente che il Fondi abbia tirato fuori quel tipo di prestazione, gli obiettivi dichiarati ad inizio stagione, hanno posto il raggiungimento dei play off come traguardo. Chiaro, da questa Reggina, seppur giovane ed ancora impreparata, ci si può aspettare di più. Lo ha detto anche il tecnico a fine gara, deluso dalla prestazione di alcuni dei suoi uomini e convinto che il gruppo, ancora da compattare e migliorare sul piano dell’organizzazione, può fare decisamente meglio. Ed il derby con il Messina potrà rappresentare una grande occasione di riscatto, decisivo saprà proprio il contributo dell’allenatore nella preparazione dell’incontro non solo dal punto di vista tecnico tattico. Dosare al meglio la necessità di conquistare i tre punti, con l’idea di essere il più possibile razionali e quindi non frenetici. La settimana che porterà alla sfida con i giallorossi del Messina consentirà un lavoro senza interruzioni, perchè va ricordato che i giorni che hanno preceduto l’esordio in campionato, hanno visto la squadra doversi giocare il primo confronto di Coppa Italia programmato al Granillo, in terra campana con la Paganese ed il mercoledi successivo l’impegno a Vibo.