Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / SSD Reggio Calabria tra sogni, speranze e… curatori. I tifosi rimangono in attesa

SSD Reggio Calabria tra sogni, speranze e… curatori. I tifosi rimangono in attesa

Si riparte. Lo avevamo detto, anzi era stato lo stesso presidente Praticò ad affermare che ci si stava preparando ad un’altra estate intensa. Ci si è lasciati alle spalle una settimana di duro lavoro in casa amaranto. Due riunioni proficue che hanno portato ad una intesa di massima in fatto di programmazione e budget per la prossima stagione. Ma soprattutto l’intesa su quella che dovrà essere la nuova denominazione da proporre alla FIGC, con la speranza che questa volta non vi siano sorprese dell’ultimo momento, come accaduto lo scorso agosto. Se tutto dovesse procedere per il verso giusto, la parola Reggina ci sarà e rappresenterebbe una conquista di una certa rilevanza per questa società. Sul fronte ripescaggio, si è già detto, c’è solo da attendere e soprattutto dopo aver dichiarato di avere le carte in regola per la richiesta, capire quello che succederà alle società che stanno davanti in graduatoria e non sono poche. La speranza si unisce all’ottimismo, il cambio di denominazione con quello di categoria, rappresenterebbe una seria svolta. Non filtrano, invece, notizie riguardo l’incontro tra i dirigenti della SSD Reggio Calabria ed i curatori fallimentari della Reggina Calcio. La certezza è che le parti hanno mostrato disponibilità al dialogo, tempi, termini ed eventuali contenuti rimangono al momento riservati. I dirigenti della SSD Reggio Calabria vogliono capire in maniera più dettagliata quali potranno essere i presupposti di trattativa, le cifre di intervento, gli assets disponibili e le modalità. Ci si avvia intanto verso le prime scadenze. Il 30 giugno si chiude ufficialmente la stagione per quello che riguarda i tesserati, dal 4 al 12 luglio bisognerà presentare domanda di iscrizione al prossimo campionato di serie D.