Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Lo vuole la Juve, ma Puntoriere apre: “Tornare in amaranto? Perchè no, nella mia città….”

Lo vuole la Juve, ma Puntoriere apre: “Tornare in amaranto? Perchè no, nella mia città….”

Per gli addetti ai lavori è già una certezza. Uno dei migliori ’98 in circolazione  I migliori talent scout lo conoscono,  a Reggio ci è nato e cresciuto ma la non iscrizione della sua Reggina lo ha portato lontano fino a Chiavari all’Entella (leggi qui per approfondire).dopo undici anni passati sui campi del S.Agata.

Con i liguri ha raggiunto una clamorosa semifinale scudetto nel Torneo Primavera, rivelandosi un autentico trascintaore.

Lo vuole la Juve.

Ma ai microfoni di footsballscouting apre ad un ritorno a casa, magari in prestito: ” Dopo che la Reggina si salvò ai play out non mi sarei aspettato un fallimento. Per me la Reggina ha fatto tanto, mi ha fatto crescere sia a livello umano che calcistico. Devo molto/quasi tutto alla Reggina se tutt’oggi mi trovo qua a poter giocare ad alti livelli. La Reggina è pur sempre la squadra della mia città: ci ho giocato per ben 11 anni ed è un periodo di tempo che non si dimentica. Tornare non sarebbe male anche se bisogna chiarire in che campionato giocherà. Sicuramente se ci dovesse essere una chiamata, ci si può incontrare per parlare. Non chiudo porte a nessuno, men che meno alla squadra che mi ha fatto crescere”.

Molto chiaro che giocare in Lega Pro darebbe molte più possibilità agli amaranto.

Difficile pensare di averlo in D,