Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Fatti di Cavese-Reggina: per il giudice sportivo valgono solo una multa di 3000 euro

Fatti di Cavese-Reggina: per il giudice sportivo valgono solo una multa di 3000 euro

Difficile commentare la decisione del  giudice sportivo. Quello che è accaduto a Cava dè Tirreni sta facendo il giro del mondo (leggi qui).

E’ arrivata la decisione del giudice sportivo che assomiglia molto ad una barzelletta, dato che per l’impianto dove gioca le gare casalinghe la Cavese non ci sarà nessun provvedimento.

Nella prossima stagione i metelliani potranno tranquillamente disputare, da subito, le proprie gare tra le mura amiche.

In mattinata c’erano stati otto arresti tra i sostenitori campani (leggi qui).

Il paradosso che la multa è arrivata anche alla società amaranto.

Ecco il testo:

AMMENDA Euro 3.000,00 e diffida CAVESE 1919 Per avere propri sostenitori: – prima dell’inizio della gara sfondavano un cancello e facevano ingresso sul terreno di gioco (30 circa) per recarsi presso il settore riservato ai sostenitori della squadra ospite, in tal modo determinando un ritardo di circa 8 minuti nell’inizio della gara; – Nel corso della gara, fatto esplodere cinque bombe carta sul terreno di gioco ed acceso otto fumogeni nel settore ad essi riservato. Sanzione così determinata in considerazione della idoneità del materiale pirotecnico utilizzato a cagionare danni alla integrità fisica dei presenti e della recidiva specifica e reiterata per i fatti di cui ai C.U. 53-74-83-89-92-95-98-107-130 137-141. ( R A – R CdC)

Euro 1.500,00 REGGIO CALABRIA Per avere propri sostenitori in campo avverso: – al 5º minuto del primo tempo tentato di sfondare un cancello di accesso al terreno di gioco senza riuscire nell’intento per il pronto intervento delle Forze dell’Ordine; – nel corso della gara, fatto esplodere due bombe carta sul terreno di gioco e lanciato nel recinto di gioco sei fumogeni; – danneggiato i bagni del settore ad essi riservato. Si fa obbligo di risarcire i danni se richiesti e documentati. Sanzione così determinata in considerazione della idoneità del materiale pirotecnico utilizzato a cagionare danni alla integrità fisica dei presenti. ( R A – R CdC )