Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Cavese-Reggina: nessun anticipo a sabato. Adesso si monitora il rischio ordine pubblico

Cavese-Reggina: nessun anticipo a sabato. Adesso si monitora il rischio ordine pubblico

Nessun accordo. La Reggina aveva chiesto che la gara contro la Cavese, valevole per la semifinale play off del campionato di Serie D, venisse anticipata alla giornata di sabato.

I campani che, per quasi tutto l’anno hanno giocato le gare in posticipo di mezz’ora o un’ora, stavolta hanno negato la disponibilità a giocare con un giorno di anticipo.

La notizia arriva da Cava dè Tirreni  ed è stata diffusa da Radio Antenna Febea attraverso l’intervento di un collega campano.

Poco male per la tifoseria amaranto che adesso avrà il tempo di organizzare la trasferta in un giorno feriale.

Nella gara del Granillo non sono mancate le scaramucce tra le due tifoserie e in Campania potrebbero essere replicate, conocsendo l’astio tra le due tifoserie organizzate.

Alla base dei dissapori soprattutto il rapporto di frattellenza tra i sostenitori della Reggina e  quelli della Salernitana, storicamente rivali dei cavesi.

I granata giocheranno sabato e, vista la vicinanza con Cava (Salerno dista circa 15 km) sugli spalti del settore ospiti potrebbero trovare posto anche i tifosi della Salernitana.

La cosa renderebbe incandescente l’ambiente.

Probabile che la questione sia già finita sotto la lente d’ingrandimento delle Forze dell’Ordine e dell’Osservatorio.