Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina ai play off squadra da battere. Cozza esagera… o forse no

Reggina ai play off squadra da battere. Cozza esagera… o forse no

di Michele Favano – Un pareggio per conquistare i play off, una vittoria per una collocazione più interessante rappresentata dal quarto posto. Due risultati su tre in terra siciliana per l’ultima di campionato, giornata diventata di particolare interesse per una serie di obiettivi che le squadre sono ancora impegnate a raggiungere. Cozza motiva i suoi dichiarando che, nel caso in cui si riuscisse a guadagnare i play off, sarà la Reggina la squadra da battere. Forse esagera, di sicuro gli amaranto stanno chiudendo la stagione in forte crescita e la prestazione contro la Gelbison, soprattutto nella prima parte, è stata di buon livello. Trame di gioco piacevoli, stato di forma eccellente e poi Tiboni. Sul piano delle prestazioni il giocatore non è mai stato in discussione. Undici Tiboni, titolavamo qualche settimana addietro, perchè il centravanti incarna pienamente lo spirito che dovrebbe contraddistinguere qualsiasi calciatore in questa categoria, per abnegazione, sacrificio, voglia di battersi, combattività. Oggi Tiboni è anche l’attaccante che riesce a far gol e con una certa continuità. Il bottino stagionale rimane esiguo, le tre marcature consecutive, però, oltre ad essere un segnale significativo, lo ripagano per quanto fatto nel corso di questo campionato, per lui fortemente condizionato anche da infortuni seri. Tiboni a parte, l’undici amaranto, con la speranza che i play off da quarti o da quinti arrivino, li andrebbe ad affrontare con maggiore sicurezza rispetto a qualche mese addietro, Proprio per quanto detto in precedenza, complesso in crescita, ma anche individualità che potrebbero fare la differenza, per esempio Oggiano. Troppo poco quello che il ragazzo ha fatto vedere nella sua esperienza reggina rispetto a qualità evidenti raramente espresse. La straordinaria rete contro la Gelbison non è casuale, chi lo conosce bene ci riferisce che quelle giocate fanno parte del suo repertorio, lo abbiamo visto carico e motivato anche nel post gara con dichiarazioni ottimistiche riguardo la possibilità di chiudere la stagione per come la società richiede. E poi il centrocampo, per quello che ci riguarda il migliore della categoria. Su Lavrendi ci si è espressi più volte, Roselli è una garanzia, bene finalmente anche Forgione. Gli ingredienti per finire nel migliore dei modi ci sono tutti, il pareggio porta ai play off, questa squadra, però, sarebbe in grado di puntare al risultato pieno.