Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Ex Reggina, Mazzarri ‘salvato’ da Gargano: “Lavezzi voleva picchiarlo, lo fermai”

Ex Reggina, Mazzarri ‘salvato’ da Gargano: “Lavezzi voleva picchiarlo, lo fermai”

Tra i difetti dei giocatori sudamericani, è cosa risaputa, ci sono i scatti di nervi che spesso rischiano di surriscaldare gli animi in campo nel corso di una partita. L’ex allenatore della Reggina, Walter Mazzarri, avrebbe potuto farne le spese nel corso della sua esperienza a Napoli ma fu ‘salvat0′ da Gargano, altro sudamericano. E’ lo stesso Gargano a raccontarlo nel corso di una intervista rilasciata alla radio messicana Rg La Deportiva: “Mazzarri ha avuto problemi con Lavezzi, e non è stato mai riconoscente con me. Ci fu un giorno in cui il Pocho voleva picchiarlo e fui io a fermarlo, se non ci fossi stato io… Il motivo del litigio? Perché Mazzarri voleva avere sempre l’ultima parola, aveva un carattere particolare e noi eravamo giovani e un po’ ribelli. Non gli piaceva nemmeno che bevessimo il mate negli spogliatoi o che ascoltassimo la nostra musica. Sono cose caratteristiche per noi, e a lui non piacevano”.

L’esperto centrocampista, ora in forza ai messicani del Monterrey, chiarisce anche i motivi di un rapporto tutt’altro che sereno con il tecnico toscano: “L’Inter voleva comprarmi, ma arrivò Mazzarri e con lui non c’erano dei problemi, ma delle divergenze d’opinione. Se mi dicono che una cosa è verde, ma io la vedo nera, per me continuerà ad essere nera. Ho molto carattere, e grazie a Dio ho sempre seguito le cose che per me sono giuste. Se c’era qualcuno che non era giusto, per me era questo signore. Sono cose che succedono, non c’erano problemi tattici, pensava che bastava dirmi “devi fare così, decido io”. Ok, decidi tu, ma sono io che vado in campo”.