Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Cozza: “Se andiamo ai play off siamo la squadra da battere”

Reggina, Cozza: “Se andiamo ai play off siamo la squadra da battere”

“Dovessimo raggiungere i play off diveremmo la squadra da battere. Essere partiti in ritardo ci permette di essere arrivati nella condizione migliore nella fase cruciale della stagione”.

Ai microfoni di Radio Antenna Febea il tecnico della Reggina, Ciccio Cozza, si è espresso così sulle possibilità che la sua squadra ha in un’eventuale post season, che passa dal non perdere a Piraino contro il Due Torri.

Quella che è a lungo è stata una scusante sul mancato campionato di vertice a favore, ora diventa un’arma a proprio favore.

“Potevamo fare meglio, ma la gara dove ci è girata male è stata quella di Leonforte. Lì avremmo potuto prendere il treno delle primissime”.

Adesso contro il Due Torri si affronta un avversario che con tre punti estrometterebbe dai play off proprio gli amaranto: “Le squadre ci affrontano sempre con le motivazioni al massimo. Se dovessimo fare una proporzione è come quando noi della Reggina davamo tutto contro avversari come Juventus, Inter e Milan”.

A lungo senza un bomber la Reggina sembra aver trovato adesso in Tiboni la bocca da fuoco: “E’ un elemento importante. Fosse arrivato prima e non avesse avuto i problemi fisici che ha avuto oggi staremmo a parlare per lui di una stagione da 15-20 gol”.

Espulso per proteste domenica, Cozza si difende: “Veramente ero intervenuto per dire a Tiboni di non protestare in certi termini nei confronti di una guardalinee che è pur sempre una donna”.

E sul futuro: “A fine campionato valuteremo assieme alla società quella che è stata la nostra stagione.  Ci siederemo attorno a un tavolo e capiremo se c’è voglia di proseguire insieme le strade.  Ci sarebbero tre mesi per programmare e sappiamo bene che per vincere non servono gli allenatori abituati a vincere questi campionati come qualcuno dice.  Sottil questa categoria non l’ha mai fatta, però ha uno squadrone ed ha vinto. Lo stesso possiamo dire di Francavilla e Apolloni a Parma. Questa squadra con massimo cinque-sei elementi vince il girone”.

Rivedi il video della partita, clicca qui