Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio – Reggina, nonostante tutto, ancora padrona del proprio destino..

Calcio – Reggina, nonostante tutto, ancora padrona del proprio destino..

Una straordinaria incertezza rende ancor più affascinante il finale di questo campionato. Tutto ancora da decidere, in testa, in zona play off, intrighi di particolare interesse anche nei bassifondi. 270 minuti a disposizione di tutti, escluse le squadre che dovranno ancora affrontare un turno di riposo, per definire posizioni e raggiungere eventuali obiettivi. Nonostante tutto la Reggina è ancora padrona del proprio destino. Ha superato senza particolari sussulti la sconfitta interna contro l’Agropoli e la giornata di sosta forzata, riuscendo comunque a conservare la quinta posizione in classifica. La fragilità mostrata nelle ultime settimane, evidenziata da risultati altalenanti e sorprendenti, lascia però legittime preoccupazioni per questo finale di campionato dove, sulle tre partite restanti, due dovranno essere giocate lontano dal Granillo. Meglio così potrebbe dire qualcuno, visto il comportamento dell’undici amaranto in occasione delle ultime due apparizioni. Poi, però, bisogna fare pure i conti con avversari ancora impegnati al raggiungimento dei propri obiettivi. Per esempio il Noto, reduce dalla vittoria esterna sul campo dell’Agropoli ed ancora non definitivamente al sicuro dalla zona pericolo. In mezzo il confronto con la Gelbison, formazione destinata alla disputa dei play out, ma ancora speranzosa di guadagnare una migliore collocazione nella griglia, cosa alquanto improbabile, per poi chiudere con il Due Torri, compagine scorbutica, difficile da affrontare per chiunque, tornata prepotentemente nei quartieri alti della classifica ed oggi ad una sola lunghezza da Tiboni e soci. La Reggina, come detto, ha la possibilità di sfruttare l’attuale esiguo vantaggio sulle dirette concorrenti. Un filotto di vittorie le darebbe la certezza matematica dei play off, oltre a lasciare una impronta significativa a questo finale di stagione, dopo un campionato non proprio esaltante.