Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina – Tutto in tre giorni o quasi. E senza scendere in campo

Reggina – Tutto in tre giorni o quasi. E senza scendere in campo

Tutto in quattro giorni o quasi. Il paradosso è che la Reggina, di fatto, in questo lasso di tempo vedrà scorrere molto del proprio destino senza esserne artefice, dopo gli inopinati passaggi a vuoto delle ultime gare casalinghe contro formazioni non irresistibili come Scordia ed Agropoli.

Gli amaranto, quinti, oggi avrebbero accesso alla griglia dei play off, la cui vittoria potrebbe aprire le porte della Lega Pro.

Ma la squadra di Cozza ha quattro punti di vantaggio sulla sesta, l’Aversa Normanna, che però ha due gare in più da disputare rispetto agli amaranto e, potenzialmente, potrebbe essere scavalcata dai campani.

L’attenzione degli amaranto sarà riservata principalmente domenica al campo di Vico Equense dove il Gragnano, costretto a giocare in campo neutro, potrà fare un favore alla Reggina solo fermando l’Aversa.

Ai padroni di casa basta una manciata di punti per ottenre la salvezza e non è detto che abbiano motivazioni pari a quelle dei diretti avversari.

La Reggina, dal canto suo, si limiterà ad osservare, dovendo osservare il turno di riposo prima delle ultime tre gare.

Mercoledì l’Aversa dovrà recuperare la partita con la Frattese, sospesa per un infortunio all’arbitro. Non sarà facile contro la vicecapolista, ma quel che è certo è che vincendo entrambe le partite farebbero scivolare gli amaranto fuori dai play off.

E il paradosso è che, nella lotta, potrebbe reinserisi il Due Torri. Vincendo sul campo del poco quotato Scordia, la formazione di Venuto andrebbe a -1 dagli amaranto.

Il dato renderebbe ancor più complicato il cammino degli amaranto che proprio sul terreno di gioco dei siciliani dovranno disputare l’ultima partita, dopo aver fatto visita al Noto e ospitato la Gelbison, tutte squadre in lotta per non retrocedere e appartenenti al novero di formazioni con cui la Reggina ha fatto spesso e volentieri fatica.