Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Ex Reggina, Hallfredsson scrive ai tifosi dell’Hellas : “Qui gli anni migliori della mia vita”

Ex Reggina, Hallfredsson scrive ai tifosi dell’Hellas : “Qui gli anni migliori della mia vita”

A Reggio non ha lasciato il segno, sebbene il suo arrivo non sia passato inosservato, dato che un islandese che sbarca in Serie A non è roba di tutti i giorni.

E’ arrivato nel 2007 e per lui subito grandi prestazioni, soprattutto nella gestione Ulivieri. Poi un malaugurato infortunio a Marassi, contro la Samp, lo ha messo fuori causa .

Da allora non è stato più lo stesso, escludendo una strepitosa staffilata in un 2-2 contro la Juventus nel 2009, in mezzo anche un prestito al Lyn.

Ha lasciato il Verona per passare all’Udinese dopo sette anni e ha voluto scrivere una lettera ai tifosi dell’Hellas:

Veronesi, Tifosi gialloblù qui ho trascorso i migliori anni della mia vita, non soltanto sportiva. Qui ho consolidato il rapporto con mia moglie, qui ho trovato un conforto vero e sincero dopo la scomparsa di mio padre, qui è nato mio figlio, e qui intendo far nascere il secondogenito, a prescindere dalla scelta che mi ha portato a legarmi a un nuovo Club, l’Udinese, e a cercare quindi nuovi stimoli ed un nuovo percorso professionale. Ho dato tutto per questa squadra, l’anima come si dice in Italia e mi spiace lasciare proprio ora, in un momento di difficoltà, e con tanti amici più che compagni con i quali ho condiviso tanti momenti belli. Ho voluto cogliere questa nuova opportunità e ringrazio la Società per la disponibilità. Auguro a tutti, anche ai nuovi calciatori dell’Hellas, di continuare a lottare e a credere ancora, come abbiamo sempre fatto, per il raggiungimento dell’obiettivo finale. Non sono una persona che parla tanto e lo sapete, spero che queste poche righe possano trasmettervi qualcosa, l’amore incondizionato che nutro per questa città, per l’Hellas e per i suoi Tifosi, orgoglioso di aver indossato questa maglia voglio terminare con un semplice GRAZIE ma con tutto il cuore.
Arrivederci il vostro Emil