Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / La Reggina supera il Gelbison a domicilio (0-2). La vetta si avvicina di nuovo

La Reggina supera il Gelbison a domicilio (0-2). La vetta si avvicina di nuovo

di Pasquale De Marte –  La Reggina torna da Vallo Della Lucania con tre punti che pesano come macigni.  Perchè arrivano dopo il mezzo passo falso interno contro il Noto e nel giorno in cui la capolista Siracusa va, a sorpresa, a perdere sul terreno della Vigor Lamezia così come la Frattese in casa della Leonfortese.

Pesano perchè sono la conseguenza del sesto utile risultato consecutivo.  Pesano perchè arrivano dopo la rivoluzione che ha portato a tanti avvicendamenti nella rosa e che proseguiranno in settimana.

La vetta (qui la classifica) potrà essere avvicinata ulteriormente nel prossimo turno quando la capolista Cavese (oggi a +8 dopo la vittoria sulla Vibonese) andrà a giocare Frattamaggiore e con un doppio turno casalingo all’orizzonte per gli amaranto.

Quello ottenuto in Campania è un risultato che potrebbe spingere la società a rafforzare  (leggi le dichiarazioni di Martino) ulteriormente l’organico per andare a rincorrere un obiettivo che, ad oggi, continua ad essere lontano, ma che non è assolutamente irraggiungibile.

Ventiquattro punti in dodici partite che fanno maledire quei quattro ko nelle prime cinque giornate, frutto di una preparazione partita troppo in ritardo per le note vicende estive.

La copertina se la prendono De Bode, Zampaglione e Foderaro.  I due marcatori della sfida e il nuovo acquisto che, arrivato da neanche tre giorni, dimostra di essere già un leader tecnico per la quadra.

Serviranno conferme già a partire dalla gara contro il Due Torri, ma la ri-partenza è incoraggiante.

qform_Regg
La formazione iniziale degli amaranto

SORPRESE INIZIALI – E’ la diciottesima giornata, ma è come se fosse l’anno zero per la Reggina.  Cozza manda in campo dal primo minuto tutti i nuovi acquisti: Cane, Forgione Foderaro.  La notizia è che in porta torna Ventrella dopo gli errori di Siracusa (era il 18 ottobre), mentre in difesa viene ripescato Brunetti e in attacco Zampaglione ritrova una maglia da titolare.

SFORTUNA –  La gara potrebbe mettersi subito in discesa per gli amaranto. Dopo due minuti un colpo di testa di Tiboni viene deviato sul palo dal portiere avversario Di Filippo, la palla resta lì e ne viene fuori una mischia da cui i calciatori amaranto non riescono ad uscirne vincitori, nonostante i ripetuti tentativi di calciare verso la porta.

L’avvio  è promettete ma è un fuoco che dura dieci minuti, quando la gara si mette sui binari dell’equilibrio più che totale.

Va ancora peggio per gli ospiti quando, sul finale della prima frazione, un infortunio mette ko Tiboni, principale riferimento del gioco della formazione dello Stretto.

DIFENSORE GOLEADOR –  In avvio di ripresa la Reggina sfrutta al meglio una delle sue risorse migliori.  Al 2′ calcio d’angolo e violento colpo di testa di De Bode.   Per il portiere non c’è scampo, per il difensore è il quarto gol in campionato.

Gli amaranto non mettono in ghiaccio in risultato come una grande squadra sarebbe in grado di fare e sbagliano due occasioni abbastanza nette.

RISCHI E GIOIA – Sull’asse Zampaglione-Foderaro De Marco viene liberato al tiro ma calcia in bocca al portiere da posizione favorevolissima.

Lo stesso De Marco regala, poi, l’assist a Roselli, ma in una circostanza simile a quella precedente  il centrocampista calcia a lato.

E se non la chiudi rischia di pagarla cara, quando Passaro, in perfetta solitudine, perde l’uno contro uno con il portiere Ventrella, bravo a chiudere lo specchio in uscita.

Nel finale la Reggina, però, tiene lontani gli avversari della propria porta e al 90′ la chiude Mimmo Zampaglione.  L’attaccante di Saline chiude la contesa.

Al 91′  Brunetti si fa espellere un fallo a palla lontana.  Ma è troppo tardi per rovinare la festa amaranto.

 

Clicca qui per vedere il video dei gol e degli highlights della sfida

Vedi anche:

Reggina, Martino: “Prova di forza. Miglioreremo ancora questo organico”

Reggina, Praticò: “Vittoria sofferta, bene i nuovi. Mercato? Vedremo cosa fare…”

Reggina, Cozza: “Secondo tempo perfetto. Servono altri acquisti per rimontare”

Reggina, Zampaglione: “Giochi ancora aperti. Stiamo crescendo e ci crediamo”

 

 

 

GELBISON-REGGINA, IL TABELLINO

Marcatori: 2′ st  De Bode, 45′ st Zampaglione

GELBISON: Di Filippo, Marmoro, Parisi, Manzillo (38′ st Torraca), Caso, Consiglio, Mejri, Pecora, De Luca, Santonicola (8′ Tulimieri), Passaro. A disposione: Del Gais, Cresciullo, Anzalone, Monzo, Iorio, Albino, Giordano, Torraco. Allenatore. Pirozzi.

REGGINA: Ventrella, Maesano, Cane, Roselli, De Bode, Brunetti, Forgione (33′ st Lavrendi) D’Ambrosio, Tiboni (45′ De Marco), Foderaro, Zampaglione (91′ Cucinotti). A disposizione: Licastro,  Baccillieri, Carrozza, Corso, Ciccone, Lavrendi, Silvestri. Allenatore: Cozza.

Ammoniti: Pecora, Roselli,  Marmoro, Parisi, Zampaglione, Torraca, De Luca-

Recupero: 2′ e 3′

Arbitro: Esposito di Aprilia.

Espulso: Brunetti