Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Martino: “Tre punti per scacciare la paura. Arena e Zampaglione, segnate”

Reggina, Martino: “Tre punti per scacciare la paura. Arena e Zampaglione, segnate”

La Reggina vuole fare tris. Dopo il successo a tavolino contro il Rende e quello sul campo ottenuto ieri al cospetto del Gragnano, gli amaranto si preparano al turno infrasettimanale di Scordia. Al programma ‘Talk Sport’ di Antenna Febea ha parlato Fortunato Martino, dirigente del club amaranto, queste le sue dichiarazioni.

VIA LA SFORTUNA – “Ieri abbiamo ottenuto una vittoria sofferta ma importante. Non ci capita spesso di avere la fortuna dalla nostra, quando capita la prendiamo volentieri. I tre punti di ieri servono per il morale e la classifica, i rischi quando non chiudi la partita esistono. Con Zampaglione e Mautone abbiamo avuto due occasioni clamorose, dobbiamo essere più cattivi sotto porta”.

LA PAURA PASSERA‘: “Squadra impaurita? Quando non hai continuità di risultati e una classifica precaria, è normale avere qualche timore. Per questo motivo era importante trovare il doppio vantaggio, ma è stato comunque importante centrare la vittoria. Ieri la Reggina ha disputato un buon primo tempo, con il pallino del gioco sempre in nostro possesso. Nella ripresa siamo calati ma abbiamo comunque avuto due chance clamorose per raddoppiare”.

SERVE CINISMO – “Dobbiamo essere più cinici, manca concretezza negli ultimi sedici metri. Zampaglione e Arena ieri avrebbero potuto fare di più, speriamo che già mercoledi siano più incisivi. Osservo con soddisfazione invece la crescita di giocatori come Mautone, De Bode e Roselli, sapevamo che la partenza in ritardo avrebbe influito sull’inizio di stagione”.

CAMPIONATO LIVELLATO – “Bisogna fare attenzione a questo campionato, non esistono big ma nemmeno squadre materasso. Basta guardare al calo del Roccella o alla vittoria ieri del Lamezia, ogni settimana può succedere di tutto. Guardiamo le prime? Ora ci guardiamo dietro, non possiamo volare con la fantasia. Piedi per terra e umiltà, pensiamo alla trasferta sul campo del Città di Scordia”.

TIBONI IMPORTANTE – “Si tratta di un giocatore di personalità e carattere, in campo le da e le prende. E’ stato un peccato non averlo avuto a disposizione per tanto tempo, magari in alcune circostanze lontano dal Granillo avremmo ottenuto un risultato diverso. Dentice e D’Angelo? Al momento sono due giocatori dell’Asd Reggio Calabria”.

MALIGNITA’ GRATUITE – “Cozza non può essere esonerato perchè è un mio amico? Sono voci false, come mi fa sorridere chi dice che abbia messo soldi in questa società, sono storie inventate. Ho tanti amici con i quali continuo a vedermi dopo l’interruzione del nostro rapporto lavorativo. Se Cozza fosse stato un problema per i dirigenti amaranto l’esonero sarebbe arrivato”.