Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / De Stefano(avv. Reggina): L’accordo con la Juve è fatto.Pronti alla rivoluzione”

De Stefano(avv. Reggina): L’accordo con la Juve è fatto.Pronti alla rivoluzione”

di Pasquale Romano – Nuova era amaranto, ma in bianco e nero. Dopo aver lavorato sotto traccia per diversi mesi, il presidente della Reggina Calcio Lillo Foti è pronto ad uscire allo scoperto. Era un silenzio ‘operativo’ quello successivo alla fine dell’attività agonistica della società, ricevuta la mazzata il massimo dirigente amaranto si è immediatamente rialzato. Nei prossimi giorni, al più tardi entro qualche settimana, verrà presentato il nuovo progetto legato al centro S.Agata. L’accordo con la Juventus è il fiore all’occhiello di un percorso ampio e dettagliato, mirato alla rinascita della società. Strill.it ha contattato Enzo De Stefano, avvocato che sta seguendo il prima persona la vicenda e ha presentato questa mattina al Tribunale di Reggio Calabria il piano di rilancio. Questi tutti i dettagli sul possibile futuro della Reggina Calcio.

SINERGIA REGGINA-JUVENTUS, E’ FATTA: “Posso confermare che è stato trovato l’accordo con il club piemontese. Verrà ufficializzato nei prossimi giorni, ma si tratta di una formalità. Ci tengo a sottolineare l’importanza di una partnership simile, unica nel panorama nazionale per la Juventus. Come è stato possibile trovare un simile accordo? Grazie ai rapporti interpersonali di Foti con i dirigenti bianconeri, subito colpiti dall’idea del presidente amaranto”.

PROGETTO REGGINA-JUVE: “In cosa consiste la sinergia con la Juventus? Intanto rende orgogliosi vedere che un club di questa portata ha scelto la Reggina per un progetto in comune. L’accordo è ben strutturato, la Juve attraverso il S.Agata monitorerà i giovani calciatori di tutte le regioni del Sud, Calabria, Sicilia, Campania, Puglia e Basilicata. Ci saranno contatti sistematici e tecnici bianconeri che verranno qui a seguire i migliori talenti, con la concreta possibilità di portarne qualcuno a Torino”.

S.AGATA CENTRO FEDERALE E VETRINA INTERNAZIONALE: “A differenza dell’accordo con la Juventus, in questo caso non possiamo dire di aver concluso la trattativa. Siamo però ottimisti, credo nei prossimi giorni si potrà definire il discorso con la Federazione. In questo caso S.Agata diverrebbe sede di stage mirati, con giovani calciatori provenienti da tutta Italia. Grazie all’accordo con la Juve inoltre al S.Agata verranno organizzati tornei con la partecipazione di club europei importanti, come ad esempio il Bayern Monaco. Il centro sportivo potrà cosi diventare una vetrina, una sorta di tornei di ‘Viareggio’ in piccolo “.

SALVATAGGIO E RILANCIO: “L’accordo con la Juve fa parte di un più ampio progetto di salvataggio e rilancio della Reggina Calcio. Abbiamo chiesto al Tribunale una proroga di 60 giorni, questi due mesi serviranno per definire l’intesa con il club bianconero e la Federazione. Speriamo, e ne siamo convinti, che il Tribunale potrà accogliere positivamente la nostra domanda, ci sono tutti i presupposti per salvare la società. Una volta ricevuto l’ok ufficiale, potrà partire questo nuovo percorso. Vogliamo fortemente dare vita a questo progetto perchè l’intenzione iniziale è quella di salvaguardare i creditori. Poi partirà l’operazione di rilancio”.

REGGINA E REGGIO CALABRIA ASSIEME: “La portata di un simile progetto è enorme, forse inizialmente non ne verrà compresa l’importanza. A livello di indotto, di ripercussioni sulla città di Reggio Calabria, ci saranno concrete possibilità da cogliere, importanti per la rinascita della società e in piccola parte anche della città. Villaggio amaranto? Non mi sono occupato in prima persona di progetti simili, ma posso dire che è ancora presto per riparlare di questo. Al momento siamo concentrati esclusivamente sul salvataggio della società”.

Vedi anche:

Reggina 1986, Foti pensa allo stadio e cambia idea: “Forse torno”