Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Ventrella, l’ex preparatore a Strill: “Ha qualità importanti. Il suo difetto…”

Ventrella, l’ex preparatore a Strill: “Ha qualità importanti. Il suo difetto…”

di Pasquale Romano –

L’uomo del momento. Nelle ultime settimane, specie dopo la trasferta di Siracusa, tiene banco in casa Reggina la vicenda legata a Marco Ventrella. Cosa fare con il portiere classe ’96, suo malgrado protagonista di alcuni episodi negativi? La rete del 2-2 subita sul campo del Siracusa da centrocampo ha dilatato le polemiche. Giusto evidenziare che non si  è trattato del primo errore, altrettanto doveroso è scansare il rischio di collegare l’attuale classifica della Reggina al rendimento di Ventrella. Chi conosce al meglio pregi e difetti dell’estremo difensore amaranto è Leo Roca, ex preparatore dei portieri della Primavera del Bari. Sport Strill lo ha intervistato nel tentativo di capire, sviscerare le motivazioni che si celano dietro l’avvio negativo di Ventrella.

Nella passata stagione, il portiere classe ’96 si è rivelato un diesel con la maglia del Bari Primavera. Partenza lenta, poi una crescita costante: “Non aveva iniziato nel migliore dei modi. Ad un certo punto sembrava che Lentini, portiere arrivato dal Torino, potesse prendergli il posto. Marco invece è stato bravo a rispondere sul campo, si è meritato la conferma con un ottimo rendimento nella seconda parte della stagione”. Il Bari ha sempre creduto nella qualità di Ventrella, la conferma arriva dalle parole di Roca: “Erano combattuti, la dirigenza biancorossa non sapeva se darlo in prestito o tenerlo in prima squadra come secondo. Alla fine hanno optato per un anno di maturazione in una piazza dove avrebbe potuto giocare con continuità”.

Evidenti le difficoltà incontrate da Ventrella nelle ultime settimane, in sala stampa a Siracusa non è mancata però la personalità, con il diretto interessato presentatosi davanti ai microfoni per scusarsi con i tifosi amaranto. Roca, per averlo allenato in prima persona nelle scorse stagioni, ne conosce pregi e difetti: “Ha qualità importanti, credo possa davvero diventare un buon portiere. A livello tecnico ha imparato nelle ultime stagioni, ovviamente trattandosi di un classe ’96 ci sono ampi margini di crescita. Lacune? Talvolta non riesce a mantenere la concentrazione per tutto l’arco della gara, sotto l’aspetto mentale e caratteriale può fare di più. Da quello che ho saputo, sono questi i problemi che stanno condizionando il suo rendimento con la Reggina”.

 

Un rebus per Cozza. Parte della tifoseria amaranto spinge per l’avvicendamento tra Ventrella e Licastro, la decisione ultima spetta al tecnico di Cariati.  Roca non avrebbe dubbi, in una situazione simile darebbe fiducia all’ex Bari: “Deve essere bravo il preparatore dei portieri (Antonio La Serra, ndr) a supportarlo e incoraggiarlo, Marco sta vivendo un particolarmente delicato. Se mandarlo ancora in campo? Io lo farei giocare, la fiducia in questo momento è fondamentale, certe difficoltà possono essere superate solo con delle prestazioni individuali positive”.