Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Condipodero: “Praticò tenace e caparbio. Martino una garanzia”
Maurizio-Condipodero-400x220

Reggina, Condipodero: “Praticò tenace e caparbio. Martino una garanzia”

di Michele Favano – Se perdi sei partite su nove, se subisci quindici reti e ne realizzi solo nove, se la classifica ti vede al penultimo posto con soli sette punti conquistati ed in piena zona retrocessione, inevitabile diventa parlare di crisi. L’ASD Reggio Calabria attraversa un momento delicatissimo ed oggi sembra avere grandi difficoltà ad uscirne. A Siracusa la squadra ha mostrato segnali di crescita, non sufficienti, però, a riportare punti e morale. I tifosi manifestano tutta loro rabbia, non mancano le polemiche, tecnico e squadra subiscono le giuste contestazioni per un avvio di stagione decisamente al di sotto delle aspettative. Maurizio Condipodero, presidente Regionale del Coni e da sempre vicino alle vicende della formazione amaranto, ai microfoni di sport.strill, prova a dire la sua, facendo un’analisi su società, comparto tecnico e squadra. “Da uomo di sport non potevo non prendere in considerazione possibili difficoltà che si sarebbero incontrate, visto il percorso che ha accompagnato la nascita e la costruzione di questa società. Venuta fuori tra mille problemi e partita con notevole ritardo. Stiamo parlando di un gruppo dirigenziale che in pochissimo tempo ha dovuto mettere in piedi, da zero, un intero patrimonio tecnico, dalla composizione dell’organico di prima squadra, passando per la Juniores, fino a tutto il settore giovanile e quindi la scuola calcio. Un lavoro immenso, prodotto in circa due mesi. Vi sembra poco? La qualità dei singoli giocatori ed il curriculum che ognuno di essi possiede, sono indiscutibili, per questo motivo ritengo che bisogna avere ancora uun pò di pazienza, comprensibilmente, ovviamente, con le necessità impellenti di classifica”.

Lei conosce meglio di tanti altri il Presidente Mimmo Praticò. Come pensa stia vivendo questo momento?
“Mimmo Praticò ha un percorso sportivo invidiabile ed una storia lunghissima. Ha ricoperto ruoli di prestigio a tutti i livelli ed anche in questa nuova avventura lo vedo parecchio coinvolto. E’ un uomo di straordinaria tenacia e caparbietà, davanti alle difficoltà certamente non molla, anzi trova forza ulteriore per superarle. A me dispiace sinceramente per questo avvio di stagione, ma sono convinto che attraverso l’applicazione ed il lavoro, i valori di questo gruppo verranno fuori a breve”.
E di Gabriele Martino cosa mi dice?
“Garanzia assoluta. E non lo dico perchè legato da un rapporto di amicizia. Sarebbe stato una certezza in categorie superiori, figuriamoci in serie D. Conosce il calcio come pochi, conosce le dinamiche di questo mondo. Insieme al tecnico ritengo abbia già individuato i problemi di questa squadra e presto saranno risolti. Senza creare alibi a nessuno, fatemi dire pure che questo avvio di stagione è stato esageratamente caratterizzato da una serie di episodi negativi. Prima o poi ci dovrà essere una inversione di tendenza”.