Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, squadra in crescita e alla ricerca di conferme. I piacevoli dubbi di Cozza

Reggina, squadra in crescita e alla ricerca di conferme. I piacevoli dubbi di Cozza

di Michele Favano – Volge a conclusione la settimana di preparazione al derby. L’ASD Reggio Calabria prova a sfruttare il momento e dopo le due vittorie conquistate tra Coppa Italia e campionato, cerca il tris. Seguendo le sedute di allenamento degli ultimi giorni, è balzato all’occhio in maniera evidente uno spirito rinnovato da parte del gruppo ed una abnegazione che fanno pensare, almeno sul piano dell’atteggiamento e della voglia, ad una inversione. Se ci metti attenzione ed intensità anche durante il torello, vuol dire che con la testa sei presente e che il tecnico è riuscito ad ottenere dai propri ragazzi quello che predica da tempo, concentrazione e determinazione su ogni situazione. Il coinvolgimento è stato totale, tanto da rendere complicato il lavoro a chi oggi vuole ipotizzare il probabile undici. L’approfondimento del 3-5-2 ed esperimenti su quel 3-4-3 che mister Cozza spera a breve di poter mettere in pratica. I dubbi maggiori riguarderanno la linea mediana dove si registrano segnali di crescita da parte di Corso, gran piede e capacità di lancio notevole,  Riva che adesso sul piano fisico sta bene ed è garanzia di qualità e esperienza, Roselli recuperato pienamente e dalle enormi potenzialità e Lavrendi, giocatore dal valore indiscutibile. Dopo aver concesso qualche settimana di “riposo” è tornato a pieno regime anche Dentice, mentre Cucinotti, autore del gol contro il Due Torri, scalpita per un posto da titolare in difesa. Merita un discorso a parte il giovane Mangiola. Le qualità tecniche del ragazzo non si discutono, dribbling, capacità di saltare l’uomo come pochi, piede vellutato sui calci piazzati. Cozza sta dosando il suo inserimento e l’eventuale impiego dipenderà molto dal tipo di atteggiamento tattico. A prescindere dalle scelte, tecnico e calciatori sanno benissimo quanto sia passaggio fondamentale la trasferta di Rende per tracciare il percorso dell’immediato futuro. Sfruttare il buon momento e le difficoltà di un avversario privo di diversi elementi  per iniziare a dare continuità in fatto di risultati, provando la scalata verso le parti più alte della classifica.