Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Martino: “Si vince tutti uniti, basta polemiche, scappiamo dalla D. Andremo sul mercato”

Martino: “Si vince tutti uniti, basta polemiche, scappiamo dalla D. Andremo sul mercato”

L’ASD Reggio Calabria conferma la propria apertura verso i tifosi e l’ampia disponibilità, anche attraverso la presenza dei suoi rappresentanti presso radio e tv locali. All’appuntamento del martedi sera su Video Touring, nella trasmissione sportiva a Bordocampo, condotta dal giornalista Rocco Musolino, il Direttore Generale Gabriele Martino. Di seguito i passaggi più significativi del suo intervento:

“Vedo allenarsi la squadra quotidianamente e registro giorno dopo giorno crescita e miglioramenti. Abbiamo più volte raccontato le vicissitudini che hanno accompagnato la società prima per iscrivere la squadra, poi per costruirla. Il tecnico sta facendo un gran lavoro e nonostante le notevoli difficoltà, lo vedo applicarsi perché anche lui vuole al più presto trovare la quadratura del cerchio. Sapevamo dei problemi che avremmo potuto incontrare, è altrettanto vero che nessuno si aspettava, però, una partenza con quattro sconfitte su sei partite. A Cava de Tirreni, contro una squadra che tutti indicano come la più forte di questo campionato, si è giocato alla pari per buona parte della gara, poi un episodio l’ha indirizzata a loro favore. Registro con dispiacere un distacco da parte della gente, rispetto all’entusiasmo delle prime giornate. I risultati lo so bene sono determinanti per avvicinare i tifosi e riempire di nuovo il Granillo, ma questa è una squadra che ha bisogno di sostegno ed aiuto da parte di tutti. Solo remando insieme e dalla stessa parte si potranno raggiungere determinati obiettivi, evitando polemiche inutili e strumentali. Io credo fermamente che questa squadra è in grado di dire la sua nella parte più alta della classifica, non sono solo io a pensarlo. Ritengo e lo ribadisco con fermezza, è necessario abbandonare al più presto il mondo del dilettantismo, altrimenti si rischia di farci l’abitudine e venirne fuori diventa un problema serio. Per me la serie D è un campionato nuovo, ho lavorato in tutte le categorie, l’ultima in Lega Pro. Non è corretto che in questo campionato vi siano calciatori che percepiscono stipendio superiori a quelli dei professionisti, anche in questo senso c’è necessità di regolarizzare il tutto. Sul fronte mercato oggi, tra gli svincolati, non ci risulta ci siano giocatori in questo momento in grado di poter potenziare il nostro organico. Dal primo di dicembre, saremo pronti ad intervenire, non per aggiungere ma per rinforzare. Ci sono reparti che vanno irrobustiti e soprattutto dobbiamo dare la possibilità al tecnico di avere delle alternative”.