Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, ok a fatica sui ragazzini della V.Lamezia (2-0) Tanto da migliorare

Reggina, ok a fatica sui ragazzini della V.Lamezia (2-0) Tanto da migliorare

di Pasquale De Marte –   Si doveva solo vincere e forse serviva un’impresa per non farcela contro una squadra che in campo aveva solo due calciatori oltre i vent’anni.

C’era quasi riuscita la Reggina a far conquistare il primo punto stagionale ad una vogliosa Vigor Lamezia, ma per sua fortuna nel finale di partita è riuscita a venire a capo di una situazione che avrebbe messo il punto esclamativo su un disastroso avvio di stagione.

Arrivano i tre punti e questa è l’unica vera buona notizia della vittoria firmata da Bramucci e Maesano, cannonieri di una squadra dove l’attacco fatica ad esprimersi in zona gol

Avere vita difficile contro una formazione imbottita di juniores, vittima sacrificale del campionato nelle prime cinque partite, non è il miglior biglietto di una visita che coltivava ambizione di vertice e che, adesso, deve cambiare registro da subito per mantenere fede alle aspettative.

La pochezza della mole di gioco, soprattutto nella qualità. offerta nella prima frazione e la scarsa concretezza della ripresa palesano limiti e lacune che preoccupano.

Dopo sei partite l’alibi della condizione fisica non tiene più e già a Rende, tra sette giorni,  sarà necessaria una prova di sostanza per far capire che, quanto visto fino ad ora, è solo un’impressione sbagliata.

L’atmosfera spettrale di uno stadio vuoto, per via delle porte chiuse, ha fatto il resto.

La partita, come da pronostico, la fanno i padroni di casa.  Gli ospiti sono guardinghi e quasi mai si propongono nella metà campo avversaria.

La manovra degli amaranto è lenta e compassata per impensierire l’attenta retroguardia della squadra messa in campo da Gatto con le linee strette.

I pericoli maggiori nascono dai calci piazzati, dove i centimetri di De Bode fanno la differenza. Il colpo di testa del centrale difensivo fa gridare al gol dopo pochi minuti ma la palla trova solo l’esterno della rete.

Ci prova anche Roselli con un’incornata, ma il portiere Fazzino si esalta, ripetendosi più su un calcio piazzato a due battuto da Zampaglione.

Sommando il tutto a un tentativo di Lavrendi dal limite si arriva a un totale che rivela la pochezza della prestazione della formazione di casa, considerando la consistenza dell’avversario.

Mai, nel primo tempo, si è avuta l’impressione di assistere ad una vera  pressione nei confronti della fase difensiva biancoverde.

Mancano i tifosi e quindi anche i meritati fischi per la Reggina in chiusura della prima frazione.

Nella ripresa lo spirito sembra essere più battagliero.  Abbandonato qualche leziosismo di troppo, la squadra va più in verticale e per due volte si presenta sola davanti alla porta.

Tocca ad Arena e Zampaglione: il primo dopo un’azione personale si arrende alla grande parata dell’estrremo difensore, l’altro si allunga troppo il pallone e favorisce l’uscita dell’avversario dopo essere stato liberato da un avversario.

Cozza decide di cambiare modulo: Bramucci rimpiazza Brunetti e dal 3-5-2 si piazza al 4-3-3.

Al 33′ la sblocca Bramucci: angolo di Arena e colpo di testa vincente dell’attaccante appena entrato, al secondo gol stagionale dopo quello di Roccella.

E’ il gol che vale tre sudatissimi punti a cui si aggiunge nel finale quello di Maesano al 93′, lesto a ribadire in rete un pallone vagante dopo due parate consecutive del portiere Fazzino, il migliore in campo tra gli ospiti.

REGGINA-VIGOR LAMEZIA  2-0, IL TABELLINO

Marcatori: 33′ st Bramucci, 48′ st Maesano

REGGINA (3-5-2): Ventrella: Mautone, De Bode, Brunetti (16 st’ Bramucci); Maesano, Lavrendi, Riva (24′ Corso), Roselli, Carrozza (35′ st Mangiola);  Zampaglione, Arena.   A disposizione: Licastro, D’Angelo,  Condomitti, D’Ambrosio,  Russo,  Cucinotti . All. Cozza.

VIGOR LAMEZIA (4-4-2):  Fazzino; Anile, Torcasio, Iannazzo, Lettieri;  Calabria, Pirelli, Guttà,Malerba;  Perri (31′ st Esposito), Sacco (16′ st Mansueto). A  disposizione: Raffa, Saladino, De Fazio, Santo,  Cristaudo, Caracciolo, Gualtieri, All. Vigor Lamezia

Ammoniti: Arena, Mautone, Iannazo. Pirrelli