Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Il tecnico della Cavese Longo: “Reggina squadra importante. Alla lunga verrà fuori”

Il tecnico della Cavese Longo: “Reggina squadra importante. Alla lunga verrà fuori”

“Il girone I è partito all’insegna dell’equilibrio.  Questo può essere un vantaggio, perchè le squadre più attrezzate hanno la possibilità di rientrare.  La Reggina ha alibi importanti essendo partita in ritardo e ho visto che è un po’  in credito con la fortuna per qualche errore arbitrale subito. Per vedere i veri valori bisognerà aspettare almeno dieci giornate”.

Lo ha detto ai microfoni di Radio Antenna Febea il tecnico della Cavese, prossimo avversario della formazione di Ciccio Cozza.

“Dopo la sconfitta all’esordio – ha detto Longo –  abbiamo cambiato l’atteggiamento. Con la Palmese per un’ora abbiamo fatto grande calcio fino ad arrivare al 4-0, inconsciamente abbiamo perso motivazioni subendo il ritorno degli avversari e la partita è finita 5-4 anche se il risultato non è mai stato in discussione. Ad Agropoli la forza dell’avversario ci ha portato ad essere naturalmente più accorti e la gara è finita 0-0”.

E sulla Reggina: “Ho visto la squadra di Cozza, soprattutto ad Aversa avrebbe meritato di più. Una sconfitta di quel tipo rischia di causare contraccolpi psicologici. Credo sia un’ottima squadra e abbia bisogno di tempo.  Per uomini è una delle squadre più importanti del campionato e bisogna fare molta attenzione. Come tutte le rose più attrezzate ha solo il compito di guardare al campo, senza darsi obiettivi alla distanza perchè in questo campionato ci sono mille variabili, ad esempio quelle finanziarie.  Ci sono squadre che nel girone di ritorno potrebbero presentare un’altra rosa, perchè non ce la fanno economicamente o perchè hanno raggiunto il loro obiettivo già con largo anticipo.”

Sulla Cavese: “Ho una squadra fatta di ottimi elementi. C’è voglia di competere fino all’ultimo per vincere il girone.  Speriamo di fare bene, perchè per la prima volta avremo il sostegno del pubblico dopo aver giocato fino ad ora a porte chiuse”