Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, si lavora su mentalità, condizione fisica e nuovo modulo. Basterà?

Reggina, si lavora su mentalità, condizione fisica e nuovo modulo. Basterà?

di Michele Favano – In queste prime quattro giornate di campionato, l’ASD Reggio Calabria è caduta tre volte. Giocando bene in una sola circostanza, lasciando parecchia insoddisfazione soprattutto nelle ultime due gare. Qualche brutta prestazione è stata motivata con l’assenza di una vera mentalità da serie D, in tutte si è parlato di carenza atletica, nell’ultima si è aggiunta l’inadeguatezza del modulo tattico. A dirlo, oltre che la critica, gli stessi protagonisti, quelli che scendono in campo, chi li dirige. Dichiarazioni forti, pesanti ed incisive quelle del tecnico Cozza nel dopo Leonfortese. Una serie di messaggi, neanche troppo velati, all’indirizzo del gruppo che guida. Ha parlato di mancanza di determinazione, scarso impegno da parte di qualcuno e la necessità di adottare un modulo a lui poco gradito, per regole imposte e che riguardano l’utilizzo di almeno quattro under. Ha chiuso con una promessa, il cambio di atteggiamento già dalla prossima trasferta di Cava de Tirreni. E la settimana di allenamenti è partita proprio verso questa direzione, con le prime prove di 3-5-2 e con il coinvolgimento diversi interpreti. L’ampiezza dell’organico, consente al tecnico amaranto di poter utilizzare più calciatori, la disponibilità degli stessi e la condizione dei singoli ne determineranno poi le scelte definitive. Cozza gode della fiducia totale di società e Direttore Generale, si va tutti insieme alla ricerca di soluzioni, per venire fuori da una situazione che così continuando potrebbe diventare pericolosa ed irreparabile. Cavese serio banco di prova, per capire se, finalmente, le cause di questo avvio di stagione sottotono, sono state bene individuate.