Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Giuffrè: “Presto per i bilanci. Cozza ? Le colpe sono di tutti”

Reggina, Giuffrè: “Presto per i bilanci. Cozza ? Le colpe sono di tutti”

Fiducia e pazienza. L’avvocato Francesco Giuffrè fa parte della cordata che ha affiancato Mimmo Praticò nella nascita dell’Asd Reggio Calabria. Ospite della trasmissione ‘Talk Sport’ su Antenna Febea, Giuffrè ha analizzato il difficile momento in casa amaranto: “Abbiamo giocato solo 4 partite, è presto per i bilanci. Siamo partiti in gran ritardo, la fretta per costruire il gruppo c’è stata ma non significa che abbiamo sbagliato scelte. Il dispiacere per gli ultimi risultati chiaramente esiste ma ancora non è sicuro ci siano problemi evidenti. Credo che abbiamo i giocatori per disputare un buon campionato, ancora però dobbiamo diventare squadra. Le critiche sono comprensibili, tra due mesi tireremo le somme e vedremo in che posizione di classifica saremo”.

Cozza sul banco degli imputati, Giuffrè assolve il tecnico amaranto e chiarisce quanto successo in un’estate torrida e convulsa: “Nei prossimi giorni parleremo con il d.g. Martino per capire se intervenire sul mercato. Cozza? Le colpe vanno condivise, non sono di uno solo. Scelto prima lui del d.s.? Volevamo partire da Mariotto ed esisteva un accordo con lui, purtroppo per altri motivi indipendenti dalla nostra volontà non si è concretizzato, ma all’epoca con Cozza non c’era alcun impegno.  In attesa di trovare un altro dirigente abbiamo dovuto scegliere l’allenatore e iniziare a costruire la squadra, mi sembra sia stato fatto tutto il possibile”.

Reggina ancora senza un campo di allenamento in città, Giuffrè garantisce che si proverà a trovare una soluzione in tempi brevi: “Ringraziamo il Sindaco Falcomatà per la disponibilità, ci ha affidato il Granillo e in questi giorni stiamo definendo il passaggio formale. Non pretendiamo tutto, non esistiamo solo noi ma anche altre associazioni o società. Faremo tutto il possibile per risolvere la situazione ma nel rispetto dei tempi e delle regole”.