Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, caro presidente forse è il momento di parlare ai tifosi

Reggina, caro presidente forse è il momento di parlare ai tifosi

Lo scorso anno, di questi tempi, il presidente Foti annunciava le forti difficoltà che la società stava incontrando riguardo l’iscrizione al campionato di Lega Pro. Si lavorara sulle rescissioni, ci si adoperava per reperire la somma necessaria, euro 600mila, corrispondente alla fidejussione da accompagnare alla domanda di iscrizione. Giorni di grande fibrillazione, la paura di non farcela, l’arrivo al traguardo proprio nei minuti finali. Oggi, paradossalmente, la situazione pur presentandosi ancor più drammatica e con pendenze più consistenti, la voce del massimo dirigente ed i suoi appelli, non li sentiamo più. Un silenzio che porta a due considerazioni, ovviamente opposte. Da una parte, il gruppo di ottimisti, pensa che pur senza manifestarlo, Lillo Foti abbia saldamente in pugno la situazione e quindi la risoluzione del problema Reggina. Accordo già raggiunto con gli australiani o con imprenditore e presidente di un club di A (Sassuolo) con forti interessi per la società amaranto, dall’altra gli scettici, quelli che non hanno più voglia di aspettare, ascoltare, sperare, che immaginano una rincorsa simile a quella dello scorso giugno, proprio a ridosso delle scadenze, con gli affanni e le conseguenze che si sono già vissute nella stagione da poco conclusa. La verità, in questo momento, la conosce solo il presidente Foti, forse è arrivato il momento che ne vengano a conoscenza anche i tifosi.