Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / “Il Centenario di chi ama la Reggina”, al Granillo torna la banda di Scala

“Il Centenario di chi ama la Reggina”, al Granillo torna la banda di Scala

Si è tenuta questo pomeriggio, presso il lido ‘Pepy’s Beach’, la conferenza stampa di presentazione inerente il ‘Centenario amaranto’, evento che vedrà il 27 giugno la Reggina di Scala tornare al Granillo. Unica l’occasione per riabbracciare i protagonisti di un tempo, fortemente connessi ad una città che all’epoca seguiva con passione travolgente la formazione amaranto. L’incontro odierno è stato aperto e moderato da Massimo Calabrò, che ha ricordato i sacrifici condotti dal team e il supporto fornito da Mimmo Praticò e Santo Frascati.

A seguire l’intervento del giornalista Maurizio Gangemi, tra gli organizzatori dell’evento: “Nel 1988 avevo 18 anni, non posso dimenticare Mariotto e i suoi compagni.  Quella era una squadra che unì la città di Reggio Calabria, che non viveva un momento facile, e la squadra amaranto. Nel nostro piccolo, con risorse risicate e grazie al supporto di Frascati e Praticò, siamo riusciti ad organizzare questo evento. Ci tengo a sottolineare che tutti gli ex amaranto verranno a loro spese, con la voglia di rivedere Reggio Calabria e i tifosi”.

L’ex presidente regionale del Coni, Mimmo Praticò, era tra i protagonisti di una Reggina risorta dalle ceneri e arrivata a traguardi sorprendenti:   “Frequento lo stadio dal 1954, se devo ricordare la cosa più bella di questi 60 anni è la Reggina di Scala. Era una società presa dall’inferno nel 1986, senza soldi, diversi imprenditori si buttarono in questa avventura, ricordo che non c’erano i lacci delle scarpe. Grandissimo il sostegno dei tifosi, che spinsero questa squadra, penso a Perugia e i 12 treni speciali o i 21 treni per Pescara, alla nave per Sassari. Questi saranno tre giorni di ricordi e festa con giocatori che hanno segnato storia della Reggina. Negli ultimi tempi ho voluto apposta distinguere squadra dalla società, quest’ultima ha fatto troppi errori, noi forse li abbiamo accettati troppo passivamente. Questa partita amichevole può rappresentare, dopo lo spareggio vinto con il Messina, un nuovo inizio per la Reggina. Spero si possa ripartire con una nuova società, per un futuro ricco di soddisfazioni”.

Ugo La Camera, grazie al tam tam su Facebook, ha reso possibile quella che inizialmente sembrava un’idea folle: “Ogni squadra ha il proprio undici indimenticabile, la nostra è Rosin, Bagnato, Attrice eccetera. L’unico ritornello è che noi eravamo un tutt’uno con la città. Loro vogliono riabbracciare la città e la reggina, il legame è indissolubile”. Rosario Sasso, intervenuto telefonicamente nel corso della conferenza, ha invitato i tifosi amaranto a presenziare, nel ricordo di una serata che farà tornare la memoria al 1988. Il costo del biglietto sarà di 2,50 euro, parte del ricavato sarà devoluto in beneficienza all’Hospice di Reggio Calabria. Un amarcord da non perdere assolutamente, la Reggina che più di tutte ha conquistato i tifosi amaranto è pronta a tornare al Granillo.

image